Truffe, si fingevano intermediari del Vaticano, 11 indagati - QdS

Truffe, si fingevano intermediari del Vaticano, 11 indagati

web-mp

Truffe, si fingevano intermediari del Vaticano, 11 indagati

web-mp |
giovedì 08 Luglio 2021 - 08:43

I cinque soggetti, rintracciati a Roma e Provincia, sono stati sottoposti alle misure cautelari, uno agli arresti domiciliari e quattro all'obbligo di presentazione in caserma

Associazione per delinquere finalizzata alla commissione di molteplici reati di truffa, rapina e furto aggravato.

Per queste accuse i carabinieri della Compagnia di Roma Centro hanno eseguito una ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di 5 persone. Gli accertamenti, iniziati nel mese di luglio 2017 e durati circa 2 anni, sono frutto anche delle denunce presentate da parte di due persone, alle quali erano stati sottratti rispettivamente 20mila euro e 75mila euro in contanti.

Gli indagati – si spiega in una nota – si presentavano come intermediari della Santa Sede o di una inesistente finanziaria Lussemburghese “Eurozone s.a.”, offrendo cospicui finanziamenti a condizioni particolarmente vantaggiose senza la richiesta di garanzie patrimoniali personali. Dopo numerosi incontri, che solitamente avvenivano, per carpire la buona fede delle parti lese, nei pressi del Vaticano o all`interno di Istituti religiosi aperti al pubblico, a conclusione dell`accordo, richiedevano ed ottenevano dalle ignare vittime denaro contante per l`intermediazione e/o come saldo di una fidejussione emessa a garanzia del prestito, consegnando falsi contratti.

A quel punto sparivano nel nulla all’atto dell`incontro finale in banche, Chiese o Uffici muniti di uscita secondaria, dalla quale si allontanavano dopo essersi fatti consegnare la somma di denaro per il presunto deposito presso quell`edificio.

L’attività di indagine è stata approfondita, sia avvalendosi di mezzi tecnici di intercettazione telefonica e ambientale, sia con servizi di osservazione e pedinamento a carico dei soggetti individuati.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684