Turismo, per il bando See Sicily, nuove polemiche tra Pd e Regione - QdS

Turismo, per il bando See Sicily, nuove polemiche tra Pd e Regione

redazione web

Turismo, per il bando See Sicily, nuove polemiche tra Pd e Regione

lunedì 21 Dicembre 2020 - 00:09
Turismo, per il bando See Sicily, nuove polemiche tra Pd e Regione

Dopo la risposta dell'assessore regionale Messina i dem siciliani ribadiscono, "bando fatto male, escluso il novanta per cento delle strutture: se non è fallimento questo!". E tornano a chiedere alla Giunta Musumeci contributi per gli alberghi

“Su 7300 strutture ricettive siciliane hanno partecipato in 830. Di fatto, quasi il novanta per cento degli operatori sarà escluso da ogni forma di finanziamento. Questi sono i dati. Il resto sono soltanto chiacchiere”.

Lo ha affermato il segretario regionale del Pd, Anthony Barbagallo, replicando all’assessore regionale al Turismo Manlio Messina a proposito del fallimento del bando “See Sicily”.

I dem, infatti, avevano sollevato il caso e l’assessore ha contestato i rilevi mossi.

Ma – hanno sostenuto Barbagallo e Giuseppe Siracusano, responsabile del Dipartimento Turismo e Isole minori del Pd – nella replica di Messina c’è la conferma alle preoccupazioni evidenziate nei giorni scorsi.

A questo punto, ulteriori precisazioni sono necessarie.

Degli 830 alberghi che hanno aderito al bando la maggior parte sono grandi strutture ricettive.

“La realtà siciliana – si legge in una nota del Pd – , che l’assessore dimostra di conoscere poco, è costituita da moltissimi alberghi di piccole dimensioni, spesso a conduzione familiare. Non solo, quindi, bed&breakfast e affittacamere, peraltro ingiustamente mortificati dall’assessore con la sua nota”.

“Per queste tipologie di strutture – hanno spiegato Barbagallo e Siracusano – il bando non era appetibile e ciò perché fatto male e non tarato sulle diverse ed eterogenee realtà siciliane. Inoltre la nostra richiesta di contributo a fondo perduto, da erogarsi sulla variazione di fatturato tra l’anno 2019 e l’anno 2020, non era diretta al distratto assessore ma al governo regionale”.

“Non vi confidiamo molto – hanno sottolineato – , e per questo il Pd Sicilia nei prossimi giorni sarà impegnato a sostenere questa proposta nel Parlamento Regionale”.

Per quanto riguarda il Governo nazionale, attaccato da Messina “per distrarre dalle inefficienze sue e di tutta la Giunta Musumeci, le imprese siciliane sanno bene che, sino a oggi, gli unici contributi arrivati sui conti correnti sono stati erogati proprio da Roma”.

“Mentre Musumeci – ha tenuto a precisare Barbagallo – fino a ora ha prodotto solo l’imbarazzante vicenda del click day che, presentato come uno strumento salvifico, si è rivelato una mera elemosina”.

Un commento

  1. maria ha detto:

    Penso che si tratti di un progetto molto interessante. Lo preferisco al fondo perduto perché sostiene la liquidità delle imprese puntando rilancio dando una grande attraverso la promozione di strutture ricettive, servizi e territori. Certo vi sono cose da migliorare! Per esempio su alcuni settori i compensi riconosciti alle piccole strutture di “qualità” sono da rivedere poiché troppo bassi. Tuttavia la scarsa adesione non è, a mio parere, legata alla scarsa qualità del progetto ma a ben altro. Da un lato, probabilmente in fase progettuale ci si è confrontati con associazioni che si sono preoccupate di tutelare gli interessi dei grandi alberghi non portando avanti nessuna delle istanze riguardanti temi che interessano le piccole strutture ricettive (ad esempio la questione tariffe cui facevo cenno sopra). Dall’altro, molte imprese non hanno i requisiti di regolarità contributiva e fiscale che sono necessari per partecipare al bando. Capisco le difficoltà di tutti ma sui temi bisogna ragionare con serietà. Non vanno demoliti i progetti ma vanno cercate soluzioni per portare verso la “regolarità” chi ha difficoltà, senza penalizzare chi ha cercato con sacrificio di stare dentro le regole. Mi stupisce che proprio il Pd faccia finta di non “cogliere” le questioni di fondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684