Uccise il padre a coltellate, assolto per infermità mentale. Sul suo profilo Fb i neonazisti - QdS

Uccise il padre a coltellate, assolto per infermità mentale. Sul suo profilo Fb i neonazisti

redazione web

Uccise il padre a coltellate, assolto per infermità mentale. Sul suo profilo Fb i neonazisti

mercoledì 29 Gennaio 2020 - 08:08


Ha ucciso il padre a coltellate lo scorso 12 agosto, in una macelleria a Piazza Armerina, e rischiava l’ergastolo.

Ora la Corte d’assise di Caltanissetta, presieduta dal Roberta Serio, ha assolto Carlo Lo Monaco, 30 anni, che era accusato di omicidio premeditato e aggravato dal rapporto di parentela.

Per i giudici, al momento dell’omicidio, era incapace di intendere e volere. La sentenza stabilisce che Lo Monaco sarà scarcerato e contestualmente ricoverato per dieci anni in un istituto di cura.

Dall’arresto di Lo Monaco e dall’osservazione del suo profilo Facebook, sul quale l’uomo si scagliava contro forze dell’ordine, ebrei, omosessuali, lo scorso novembre è scaturita l’operazione “Ombre nere” della Digos di Enna, che ha svelato una rete di sedicenti neonazisti diffusa in tutt’Italia e che avrebbero voluto fondare il Partito nazionalsocialista italiano dei lavoratori”.

Era stato il legale di Lo Monaco, Lorenzo Caruso, a chiedere una perizia psichiatrica che stamani il pm ha provato ad “invalidare” chiedendone una seconda collegiale. I giudici hanno accolto le risultanze della perizia, redatta, per l’accusa, dallo psichiatra Maurizio Marguglio.

Il perito della difesa è Rino Bruno, il quale aveva certificato che Lo Monaco, pur soffrendo di un disturbo psichiatrico, potesse stare in giudizio; ma aveva categoricamente escluso la capacità di intendere e di volere dell’uomo al momento dell’omicidio.

Lo Monaco, un’infanzia costellata da violenze, aveva ucciso il padre, Armando, 53 anni, che da tempo vive in Germania dove si era risposato, all’interno di una macelleria nel centro storico di Piazza Armerina. Alla base del gesto antichi rancori nei confronti del padre che si era separato anni fa dalla madre.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684