Uffici turistici chiusi, specchio del turismo “in quarantena” - QdS

Uffici turistici chiusi, specchio del turismo “in quarantena”

Michele Giuliano

Uffici turistici chiusi, specchio del turismo “in quarantena”

giovedì 26 Marzo 2020 - 00:00
Uffici turistici chiusi, specchio del turismo “in quarantena”

Da Catania a Caltanissetta, i Servizi turistici regionali rimangono a disposizione degli utenti solo telefonicamente o via email. Tutte le attività sono sospese: eventi, manifestazioni, sagre, feste tradizionali

PALERMO – In tempi di emergenza sanitaria, in cui il diktat è quello di restare a casa, gli uffici turistici non hanno motivo di rimanere aperti.

È stato comunicato dal servizio turistico regionale di Catania e di Caltanissetta come sia stato sospeso l’accesso al pubblico sia agli stessi uffici centrali che agli sportelli informativi. Porte chiuse, quindi a Caltagirone, Acireale, Nicolosi e Linguaglossa in provincia di Catania, e nel capoluogo nisseno. Al momento non è stata comunicata alcuna data di riapertura.

Gli uffici non sono chiusi, ma rimangono a disposizione degli utenti telefonicamente o via mail. Lo sportello Informativo Catania risponde al numero 095-7477415 e alla mail strcatania@regione.sicilia.it; l’ufficio di Caltagirone risponde invece al numero 0933-53809 o alla mail uo.caltagirone@regione.sicilia.it. Per lo sportello informativo di Acireale i riferimenti sono 095-891999 e la mail uo.acireale@regione.sicilia.it, mentre lo sportello informativo di Nicolosi ha il numero 095-914488 e la mail uo.nicolosi@regione.sicilia.it.

Anche gli uffici del servizio turistico regionale di Caltanissetta e dello sportello informativo di Gela rimangono chiusi al pubblico a tempo indeterminato. In caso di necessità, gli uffici potranno essere contattati a diversi recapiti: il numero 0934-583692, il fax 0934-542948, l’indirizzo mail strcaltanissetta@regione.sicilia.it. Diversi i riferimenti per lo sportello informativo di Gela: 0933-913788 il numero di telefono, mentre possono essere utilizzati anche gli indirizzi mail strgela@regione.sicilia.it, giandanilo.giuliana@regione.sicilia.it e giovanna.aliotta@regione.sicilia.it. Anche il servizio turistico regionale n. 19, relativo alla provincia di Trapani, chiude al pubblico. Gli utenti, in caso di necessità, potranno rivolgersi verbalmente al funzionario addetto, al numero di telefono 0923.540993 o potranno inviare una mail a strtrapani@regione.sicilia.it all’attenzione del sig. Agostino Mighali.

Il turismo è forse il settore economico emblematico che sta soffrendo in maniera drammatica tutte quelle che sono le conseguenze dell’emergenza sanitaria da covid-19: tutto chiuso e adesso la prossima stagione estiva è solo una incognita.

Tutte le attività sono sospese: eventi, manifestazioni, sagre, feste tradizionali. L’Amministrazione a suo modo sta cercando di salvare il salvabile, bloccando e rimandando tutte le scadenze dei vari bandi aperti in questo mese di marzo ormai sul finire, rimandando tutto alla fine del mese di aprile, nella speranza che nel frattempo sia possibile ripartire a buon ritmo con tutte le attività.

Si tratta però di provvedimenti che non cambiano nei fatti la situazione drammatica per lavoratori del settore, anche quelli stagionali, che vedono nel prossimo futuro sfumare le giornate di assunzione. All’Ars sono state avanzate delle proposte proprio per salvaguardare questa categoria di lavoratori: il vice presidente dalla commissione Attività Produttive, Michele Catanzaro, e il capogruppo dem a Sala d’Ercole Giuseppe Lupo, hanno presentato a Palazzo dei Nomanni un’interpellanza rivolta al presidente della Regione e all’assessore regionale al Lavoro: “Chiediamo al governo regionale di attivarsi per ottenere l’erogazione di strumenti di tutela in favore dei lavoratori del comparto, come ammortizzatori sociali in deroga e prolungamento della disoccupazione – ha affermato Catanzaro – Le conseguenze sarebbero particolarmente pesanti per i lavoratori stagionali del settore alberghiero chiamati normalmente a rinforzare gli organici degli alberghi nei periodi di massimo afflusso turistico”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684