Unioncamere, allarme crisi imprese, più del 20% ha ridotto l’occupazione - QdS

Unioncamere, allarme crisi imprese, più del 20% ha ridotto l’occupazione

redazione

Unioncamere, allarme crisi imprese, più del 20% ha ridotto l’occupazione

giovedì 23 Luglio 2020 - 00:00

ROMA – Tre imprese su quattro hanno mantenuto stabile il numero dei propri occupati nei primi sei mesi dell’anno, ma oltre il 20% delle aziende ha ridotto l’occupazione. Lo rileva l’indagine Excelsior realizzata tra il 25 maggio e il 9 giugno da Unioncamere in accordo con l’Anpal.

Circa 290mila imprese, pari al 21,3% delle aziende italiane con dipendenti, “hanno dovuto ridurre i livelli occupazionali mentre altre 36mila (il 2,6%) li hanno aumentati”. C’è quindi un saldo negativo tra imprese che hanno ridotto e imprese che hanno aumentato il numero dei dipendenti pari a -18,7 (con un massimo di -22,7 punti per le imprese con 10-49 dipendenti).

Vanno meglio le imprese esportatrici (-15,2 punti di differenza tra imprese in flessione e imprese in crescita rispetto al -19,1 delle non esportatrici). Segnali positivi “anche per le imprese già dotate di piani integrati di digitalizzazione, che mostrano una maggiore resistenza occupazionale, con un saldo negativo (-17,4) tra chi aumenta e chi diminuisce l’occupazione meno accentuato rispetto alle imprese non ancora digitalizzate (-19,3), grazie alle innovazioni introdotte in precedenza”.

“La prima risposta alla crisi, le imprese la stanno trovando – ha aggiunto Unioncamere – proprio nell’accelerazione dei processi di digitalizzazione. Sono 1.036mila quelle che stanno pianificando in questi mesi interventi di digitalizzazione (circa il 75% dell’universo di riferimento), segnando una crescita di circa 7 punti percentuali rispetto al periodo precedente l’emergenza sanitaria (+91mila imprese)”.

Si prevedono in ogni caso “tempi lunghi per la ripresa. Tra le imprese con almeno un dipendente (circa 1,4 milioni), al di là di una quota minoritaria (180mila) che dichiara di non aver subito perdite in questa crisi, la maggioranza (circa 580mila) stima che la propria attività potrà tornare ai livelli pre-crisi non prima di giugno 2021”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684