“Unità d’Italia, cittadini stretti attorno ai valori costituzionali” - QdS

“Unità d’Italia, cittadini stretti attorno ai valori costituzionali”

Raffaella Pessina

“Unità d’Italia, cittadini stretti attorno ai valori costituzionali”

mercoledì 18 Marzo 2020 - 00:00
“Unità d’Italia, cittadini stretti attorno ai valori costituzionali”

Dal Quirinale messaggio di speranza nel 159esimo anniversario. Conte: “Sapremo rialzarci, affrontiamo difficoltà a testa alta”

ROMA – Mai come quest’anno, forse, la ricorrenza dell’anniversario dell’Unità d’Italia, celebrata ieri 17 marzo, ha avuto una significato così importante ed è stata così sentita. Per il rispetto delle norme di sicurezza per l’emergenza sanitaria, il Quirinale ha annullato qualsiasi celebrazione pubblica ed in una nota la presidenza della Repubblica spiega che “il clima di difficoltà, incertezza e di sofferenza che stiamo vivendo rende ancora più stringente la necessità di unità sostanziale di tutti i cittadini attorno ai valori costituzionali e ai simboli repubblicani”.

Parole di speranza anche dal premier Giuseppe Conte: “L’Italia – ha detto ieri – ha affrontato mille difficoltà, guerre mondiali, il regime fascista. Ma gli italiani, con orgoglio e determinazione, hanno sempre saputo rialzarsi e ripartire. A testa alta”.

Il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha sottolineato che in questi giorni di difficoltà gli italiani stanno riscoprendo i valori che hanno caratterizzato il nostro Paese: “L’Italia oggi vive una delle crisi più difficili di questo secolo: un’emergenza sanitaria che si è giorno dopo giorno trasformata in un’emergenza economica, finanziaria, sociale. Ma proprio in queste drammatiche giornate, gli italiani stanno riscoprendo la ricchezza di quei valori di solidarietà, di fratellanza e di spirito di sacrificio che sono stati, sono e saranno sempre il collante della nostra nazione”.
Casellati ha ricordato il coraggio e lo spirito di sacrificio del personale medico che è in prima linea contro il virus, coraggio pari al cittadino che “rinnova la sua unità, identità e forza morale nell’Inno nazionale cantato dai balconi delle case e nelle quotidiane manifestazioni di vicinanza a chi soffre situazioni di grande difficoltà”.

Molti i commenti anche dal mondo politico. Andrea Martella, sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha detto: “questo 17 marzo ricorrenza dell’Unità d’Italia che cade nel pieno di una prova così difficile, sia l’occasione per riscoprire valori in grado di darci la forza necessaria per vincere questa sfida: coesione, senso di comunità, orgoglio di appartenenza, solidarietà”.

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio ha sottolineato come questa ricorrenza è andata oltre ad una semplice ricorrenza. “Abbiamo ancora tanta strada davanti – ha aggiunto – per dimostrare al mondo intero come il nostro Paese sia unito, da nord a sud. Mai come in questo momento dobbiamo dimostrare di essere un Paese forte e unito. Oggi il verde del nostro tricolore acquisisce un significato ancora più importante, quel verde rappresenta la speranza di riuscire a farcela. Orgoglioso del nostro Paese e della nostra gente”. Un appello su Twitter all’unità per uscire da questi momenti difficili è stato lanciato dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti (Pd): “Siamo un grande Paese che, unito e combattendo insieme, ce la farà!”.

Pietro Grasso (Leu) in un post su Facebook ha detto che quest’anno la festa dell’Unità Nazionale, è stata diversa dalle altre, senza celebrazioni pubbliche. “Eppure da giorni la stiamo già celebrando e vivendo, sui balconi e dalle finestre dove sventola il tricolore e si canta l’inno di Mameli o altri brani che ci appartengono – ha detto Grasso – È un modo per sentirsi più vicini e far arrivare incoraggiamento a chi sta combattendo in prima linea in questa grande emergenza, o sta continuando, con coraggio e sacrificio, a recarsi sul posto di lavoro. Una bellissima forma di resistenza sociale e di coesione nazionale, che sa di speranza e di tenacia, di forza e di solidarietà”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684