Concorrenza: Uritaxi, Dl aiuta multinazionali, sciopero 24 novembre - QdS

Concorrenza: Uritaxi, Dl aiuta multinazionali, sciopero 24 novembre

web-dr

Concorrenza: Uritaxi, Dl aiuta multinazionali, sciopero 24 novembre

web-dr |
giovedì 11 Novembre 2021 - 10:58

“Mercoledì 24 novembre sciopero
nazionale dei tassisti” perché “con il Ddl concorrenza si tradisce un
accordo per avvantaggiare le multinazionali. Noi rispondiamo con manifestazioni
unitarie ad oltranza”.

Lo annuncia in una nota Uritaxi,
sindacato dei tassisti, riguardo alla protesta contro il riordino dei servizi
di mobilità urbana non di linea inseriti dal Governo nel disegno di legge
concorrenza.

Lo sciopero è stato proclamato per
il 24 novembre, con iniziative locali e nazionali che proseguiranno fino a
quando “l’articolo 8 del ddl concorrenza non sarà ritirato e non saranno
emanati i decreti attuativi della legge 12 del 2019”.

“L’inserimento nel ddl – protesta il presidente di Uritaxi, Claudio Giudici – è contro ogni logica giuridica ed economica, in quanto si pretenderebbe di rimettere a logiche di mercato un settore che, in quanto amministrato come servizio pubblico, a tariffa amministrata, con obbligo di servizio e turnazioni imposte, non può per essenza subire concorrenza da chi a queste regole non è sottoposto. Diversamente, infatti, sarebbe il legislatore stesso a legalizzare un fenomeno di concorrenza sleale a vantaggio di alcuni ed a svantaggio dei tassisti”.

“Ancor più grave, perché capace di minare ogni fiducia nella classe dirigente, l’inserimento nel ddl concorrenza rappresenta anche la violazione di accordi siglati nel febbraio 2019 dai tassisti con questo Parlamento. Dopo aver accettato una serie di costose novità normative – prosegue Giudici – attendiamo ancora da tre anni i relativi decreti attuativi che darebbero concretezza ai pronunciamenti della politica in favore della legalità, contro l’abusivismo di operatori scorretti e multinazionali allergiche alle regole pubbliche. Oggi addirittura si vorrebbero nuovamente cambiare le regole del gioco”. (ANSA)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001