Usura, Palermo, tre milioni e mezzo di euro confiscati a fratelli - QdS

Usura, Palermo, tre milioni e mezzo di euro confiscati a fratelli

redazione web

Usura, Palermo, tre milioni e mezzo di euro confiscati a fratelli

venerdì 14 Maggio 2021 - 07:57

Secondo la Guardia di finanza Giuseppe e Maurizio Sanfilippo, uno già condannato, l'altro in attesa di giudizio, concedevano prestiti con tassi del sessanta per cento. Pestaggi per chi non pagava

Beni per oltre tre milioni e mezzo di euro sono stati confiscati dalla guardia di finanza del comando provinciale di Palermo a due fratelli palermitani, Giuseppe e Maurizio Sanfilippo, rispettivamente di 69 e 61 anni, accusati di usura e ritenuti da anni i maggiori referenti del credito illegale a Palermo e provincia.

Secondo le indagini dei militari, i due fratelli prestavano soldi a commercianti e imprenditori in difficoltà applicando tassi d’interesse che arrivavano fino al sessanta per cento su base annua.

Il provvedimento è della sezione misure di prevenzione del tribunale, divenuto irrevocabile con sentenza della Cassazione.

L’attività di oggi si ricollega ad un’operazione del 2011, denominata “The Uncle” – lo zio, come si faceva chiamare uno dei due fratelli dalle vittime e dai collaboratori – ed è stata condotta dal nucleo di polizia economica e finanziaria della Finanza, guidata dal colonnello Gianluca Angelini.

Maurizio Sanfilippo ha patteggiato una pena a tre anni e tre mesi di reclusione, mentre Giuseppe è attualmente in giudizio.

La confisca ha riguardato due imprese, un bar tabaccheria a Misilmeri (Palermo) e un negozio di abbigliamento a Palermo; 14 immobili, tra abitazioni, locali commerciali e appezzamenti di terreno, tra Palermo, Bagheria, Trabia e Termini Imerese; undici veicoli; venti rapporti finanziari.

Una delle vittime di usura, in ritardo con i pagamenti, era stata avvicinata, minacciata e malmenata da un “collaboratore” dei fratelli, costringendo gli inquirenti ad accelerare le fasi dell’operazione e arrestando in flagranza di reato l’esecutore del pestaggio, proprio nel momento in cui si apprestava ad incassare la rata.

Almeno una ventina delle presunte vittime è stata convocata nel comando provinciale della Guardia di Finanza.

Ma quanto scattò l’indagine soltanto tre di loro avevano deciso di collaborare.
Y93-NU/ S45 QBKS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684