Vertenza Coop, la Uil lancia l’allarme, 400 posti di lavoro a rischio nel catanese - QdS

Vertenza Coop, la Uil lancia l’allarme, 400 posti di lavoro a rischio nel catanese

redazione

Vertenza Coop, la Uil lancia l’allarme, 400 posti di lavoro a rischio nel catanese

mercoledì 26 Febbraio 2020 - 00:00
Vertenza Coop, la Uil lancia l’allarme, 400 posti di lavoro a rischio nel catanese

Proclamato sciopero unitario per sabato. I segretari Meli e Casa: “Incertezza per il futuro”

CATANIA – A rischio nel catanese quattrocento lavoratrici e lavoratori della Coop “Alleanza”, che gestisce gli ipermercati nei centri commerciali “Katanè” di Gravina, “Le Zagare” di San Giovanni La Punta e “Le Ginestre” di Tremestieri oltre a un supermercato a Bronte. Uno sciopero unitario è stato proclamato per sabato. Uil-Uiltucs con i segretari etnei Enza Meli e Giovanni Casa protesteranno dinanzi agli ingressi di “Ipercoop Katanè” con un sit-in che avrà inizio alle 8.30 e si concluderà alle 13.

“Piove sul bagnato – commentano Enza Meli e Giovanni Casa – Nel territorio di Catania, già segnato nel settore della Grande Distribuzione da vertenze pesantissime come quelle del Gruppo Abate, di Auchan e Simply, si registra oggi una inquietante incertezza per il futuro occupazionale nelle Coop. L’azienda non ha rispettato gli impegni assunti nell’accordo Regionale del 25 settembre 2017 per lo sviluppo della rete di vendita con l’apertura di sette punti-vendita in Sicilia nel triennio 2017-2020. Nulla è stato fatto, così come è rimasto lettera morta il promesso rilancio delle quattro realtà già esistenti. Così, malgrado gli sforzi sostenuti giornalmente, lavoratrici e lavoratori hanno visto ridursi anno dopo anno le quote di mercato di ipermercati e supermercati a marchio Coop nella nostra provincia come nel resto dell’Isola”.

I segretari di Uil e Uiltucs Catania concludono: “La mancanza di prospettive sta alimentando una giustificata preoccupazione, per il presente e il futuro, nei dipendenti di Coop Alleanza e nelle loro famiglie. Accanto a loro, è presente la Uil e particolarmente la sua organizzazione di categoria Uiltucs con tutto il gruppo dirigente provinciale, regionale e nazionale. Lo sciopero di sabato rappresenta un solo segnale della nostra intenzione di realizzare ogni iniziativa utile di protesta e far sentire la voce dei lavoratori, dopo averne ascoltato noi il grido d’allarme nelle assemblee di questi mesi”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684