Vertenza lavoratori Istituto Bellini licenziati, chiesto reintegro - QdS

Vertenza lavoratori Istituto Bellini licenziati, chiesto reintegro

web-dr

Vertenza lavoratori Istituto Bellini licenziati, chiesto reintegro

web-dr |
martedì 14 Dicembre 2021 - 16:02

Vertenza lavoratori Istituto Bellini, sit-in della Fsi-Usae: “Siamo stati ricevuti in Prefettura ma solo il Sindaco Pogliese può integrare gli 8 lavoratori licenziati. Chiediamo incontro”

Si è svolto stamattina un sit-in di protesta in piazza San Domenico a Catania, organizzato dalla Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti organizzazione costituente della confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, per porre l’attenzione sul mancato reintegro di 8 lavoratori custodi dell’Istituto musicale “V.Bellini”.

La Fsi-Usae è stata ricevuta in Prefettura dal Capo di Gabinetto Dott.ssa Giuseppa Maria Spampinato.

“Abbiamo esposto tre anni di lunga vertenza – spiega Calogero Coniglio segretario regionale e territoriale Catania Fsi-Usae – e ieri il sindacato è venuto a conoscenza che la Città Metropolitana di Catania ha cessato i servizi di ‘Accoglienza e vigilanza’, resi dalla Pubbliservizi s.p.a. nei locali dell’Istituto musicale “Vincenzo Bellini” di Catania per esaurimento delle risorse economiche”.

“Ho rappresentato al Capo di Gabinetto che il Sindaco nell’ultimo incontro di settembre scorso si era impegnato a trovare possibili soluzioni, con l’obiettivo di far assorbire i lavoratori licenziati dalla ditta appaltatrice subentrante – continua Coniglio – e che alla luce di questa grande opportunità tanto attesa dagli 8 lavoratori licenziati ingiustamente, vittime dei tagli decisi proprio da Città Metropolitana e Comune di Catania, oggi la vertenza potrebbe risolversi positivamente con l’immediato reintegro lavorativo. Abbiamo così chiesto la convocazione di un tavolo tecnico e la dott.ssa Spampinato si è riservata e valuterà se ci sono condizioni ed elementi per convocare le parti”. “E’ una situazione drammatica quella che queste famiglie stanno vivendo: il dissesto e i buchi di bilancio sono stati creati dal ‘sistema’ politico e per la Fsi-Usae spetta allo stesso ‘sistema’ risolvere la problematica garantendo un’occupazione a queste famiglie. Alla luce dell’incontro di oggi in Prefettura, torneremo a sollecitare un urgente incontro con il Sindaco Pogliese”, conclude Coniglio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684