Violenza sessuale Catania: il Riesame, suffragata la gravità indiziaria - QdS

Violenza sessuale Catania: il Riesame, suffragata la gravità indiziaria

redazione

Violenza sessuale Catania: il Riesame, suffragata la gravità indiziaria

martedì 14 Maggio 2019 - 07:49
Violenza sessuale Catania: il Riesame, suffragata la gravità indiziaria

Dall'esame del video girato dai tre trapela "un atteggiamento complessivo" della giovane statunitense "in balìa degli indagati che, incuranti del suo rifiuto manifesto, abusano ... della ragazza"

Gli atti di indagine “permettono di ritenere suffragata la gravità indiziaria in ordine ai reati ascritti a tutti e tre gli indagati”.

Lo scrive il Tribunale del riesame di Catania nelle motivazioni con cui, l’11 aprile scorso, ha confermato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dei tre giovani arrestati per violenza sessuale su una 19enne statunitense, fermati dai carabinieri il 26 marzo scorso dopo una serie di indagini anche nella zona della presunta violenza, vicino piazza Europa (foto).

Indagati sono Roberto Mirabella, assistito dagli avvocati Luigi Zinno e Giuseppe Rapisarda, Agatino Valentino Spampinato, difeso dai legali Giovanni Avila e Monica Catalano, e Salvatore Castrogiovanni, rappresentato dalla penalista Maria Luisa Ferrari.
I legali stanno preparando ricorso in Cassazione.

Il Tribunale del riesame sottolinea “il grave stato di inferiorità psichica della vittima”, fatto di cui “gli indagati avevano piena consapevolezza”.

Dal video del rapporto di due loro con la 19enne, scrivono i giudici, “trovato nei cellulari dei tre” fa “trapelare un atteggiamento complessivo” della giovane che “appare evidentemente non vigile, in balìa degli indagati che, incuranti del suo rifiuto nonostante tutto manifesto, abusano di tal abbassamento di difese da parte della ragazza”.

Mentre “è escluso che la loro capacità di giudizio fosse alterata e che, parimenti, i loro livelli di autocontrollo fossero diminuiti”.

Il Tribunale ritiene “coerente e logico nei vari passaggi, immune da contraddizioni” il racconto della vittima.

E sul presunto rapporto sessuale che la 19enne avrebbe avuto dopo la violenza subita con uno degli indagati il riesame lo giudica un “‘post factum’ inidoneo a inficiare la solidità dell’impianto accusatorio”.

E in ogni caso “oltre a non dover essere oggetto di ‘valutazione etica nella sede processuale'” il fatto “trova spiegazioni scientifiche sul piano psicologico che esulano da questa trattazione e non scalfisce la gravità del quadro indiziario sui fatti oggetto di contestazione”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684