Violenza sulle donne, nel post-lockdown riprendono abusi e maltrattamenti - QdS

Violenza sulle donne, nel post-lockdown riprendono abusi e maltrattamenti

redazione

Violenza sulle donne, nel post-lockdown riprendono abusi e maltrattamenti

giovedì 09 Luglio 2020 - 00:00

ROMA – Con la fine del lockdown si registra una ripresa dei reati spia riconducibili alla violenza di genere (atti persecutori, maltrattamenti contro familiari e conviventi e violenze sessuali) anche se i numeri generali restano inferiori a quelli dello stesso periodo del 2019. I dati sono contenuti nel Report della Criminalpol sull’andamento dei reati tra gennaio e maggio 2020 e pubblicati sul sito del Viminale che invita tutte le donne di non esitare a chiedere “aiuto, sostegno o consiglio alle forze di polizia attraverso i numeri di emergenza, al 1522 e con l’app Yuopol”.

Dal report emerge che a gennaio e febbraio i reati spia hanno registrato un andamento leggermente in calo rispetto al medesimo periodo del 2019; a marzo e aprile, durante il lockdown, c’è stata invece una decisa flessione – sia rispetto al 2019 sia in confronto ai primi due mesi dell’anno – e a maggio un incremento rispetto ai due mesi precedenti, rimanendo comunque inferiore ai reati registrati a gennaio. In particolare a maggio, ha comunicato il Viminale, i maltrattamenti risultano in crescita rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente (1.598 rispetto a 1.519), nonostante a gennaio fossero nettamente inferiori rispetto allo stesso mese del 2019 (1.631 rispetto a 1.937); gli atti persecutori si mantengono più bassi rispetto al 2019, con un incremento a maggio 2020 (1015) rispetto ai mesi febbraio, marzo e aprile.

L’incidenza delle vittime donne dei singoli reati spia passa dal 76% di gennaio al 70% di maggio, mentre lo scorso anno rimaneva pressoché costante per tutto il periodo gennaio-maggio intorno al 77%. La percentuale di donne vittime di maltrattamenti da parte di familiari e conviventi passa dall’82% di gennaio al 78% di maggio 2020, mentre nei primi cinque mesi del 2019 si attestava sull’83%. Infine, quella delle vittime di violenze sessuali segna un incremento dal 93% di gennaio 2020 al 96% di maggio, risultando nettamente superiore rispetto all’89% dello stesso mese del 2019. Per quanto riguarda gli omicidi, nel periodo gennaio-maggio si confermano in calo del 34,29% (gli episodi scendono da 140 a 92), sebbene le vittime di sesso femminile restino pressoché invariate (45 nel 2019 e 44 nel 2020).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684