Regole zona bianca, Regioni studiano misure condivise, cosa si può fare - QdS

Regole zona bianca, Regioni studiano misure condivise, cosa si può fare

web-dr

Regole zona bianca, Regioni studiano misure condivise, cosa si può fare

web-dr |
lunedì 24 Maggio 2021 - 16:17

Il presidente della Conferenza delle Regioni discuterà con gli altri presidenti di Regione per stabilire delle linee guida in vista del passaggio verso la zona bianca.

“Di regole sulla zona bianca non ce ne sono moltissime. Ci stiamo confrontando con i governatori le cui Regioni dovrebbero passare per prime in zona bianca, cioè Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, e quelli i cui territori passeranno la settimana successiva, per capire se mettere in campo misure condivise.

Quindi fra qualche giorno raggiungeremo un’ipotesi di lavoro sulla quale mi
auguro poter partire la prossima settimana, perché anche questa settimana ho
l’auspicio che i dati da zona bianca vengano confermati”. Lo ha affermato
il presidente del Fvg e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga.

La zona bianca è stata istituita per ultima, con decreto legge numero 2 del 14 gennaio 2021: è prevista per le Regioni con uno scenario di ‘tipo’ 1, un livello di rischio ‘basso’ e un’incidenza dei contagi inferiore a 50 casi ogni 100mila abitanti per tre settimane consecutive.

In zona bianca non si applicano le misure
restrittive previste dai Dpcm per le aree gialle, arancioni e rosse, anche se
specifici Dpcm possono adottare specifiche misure restrittive relative a
determinate attività. Di base, restano solo l’obbligo della mascherina, il
distanziamento, l’areazione e la sanificazione. Cade il coprifuoco e quindi ci si può spostare anche dopo le 23, senza
limiti di orario, in anticipo rispetto alla roadmap del governo che prevede lo
spostamento alle 24 dal 7 giugno e l’eliminazione definitiva dal 21 giugno. Restano chiuse solo le
discoteche
.

Da oggi intanto riaprono le palestre che dovevano tornare operative dal
primo giugno ma la cui data di riapertura è stata anticipata nll’ultimo
provvedimento del governo.

“Veniamo da mesi difficilissimi e ancora oggi siamo in una fase
delicata, pure con la campagna di vaccinazione vediamo primi passi avanti molto
importanti”.

Lo afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo messaggio al
Digital Debate Confcooperative Sanità “Valore e dignità alla
persona”.

“La sfida dei prossimi mesi – dice Speranza – sarà
riformare il servizio sanitario nazionale e provare anche a far tesoro di
questa lezione dei mesi così drammatici del Covid
. Io penso che la prima
lezione fondamentale sarà proprio quella di rafforzare
la sanità sul nostro territorio
, di rafforzare l’idea di
prossimità”.

“Occorre maggiore coordinamento – ha detto ancora – in vista
dell’entrata in vigore formale, dal primo luglio, del Certificato verde
digitale per favorire una ripresa in sicurezza degli spostamenti dei cittadini
europei”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684