Zone franche montane, 132 Comuni ne chiedono l'istituzione - QdS

Zone franche montane, 132 Comuni ne chiedono l’istituzione

redazione

Zone franche montane, 132 Comuni ne chiedono l’istituzione

domenica 10 Novembre 2019 - 11:33
Zone franche montane, 132 Comuni ne chiedono l’istituzione

Nel corso di una riunione svoltasi a Nicosia, nell'Ennese, la richiesta è stata consegnata al presidente della commissione Attività produttive, Orazio Ragusa, e al vicepresidente della Regione, Gaetano Armao

“L’Assemblea regionale siciliana approvi la legge obiettivo istitutiva delle Zone Franche Montane”.

È questo il coro unanime proveniente dall’assemblea degli amministratori dei 132 Comuni montani della Sicilia e delle principali associazioni di categoria regionali riuniti a Nicosia (Enna).

Le 76 delegazioni presenti hanno consegnato al presidente della commissione Attività produttive, Orazio Ragusa, e al vicepresidente della Regione, Gaetano Armao, i 132 ordini del giorno deliberati dai consessi civici, con i quali chiedono formalmente alla deputazione di varare immediatamente il provvedimento.

“La sensazione che abbiamo – ha detto Vincenzo Lapunzina coordinatore regionale del comitato pro Zfm – è quella di essere vicini alla conclusione della prima parte del percorso, ovvero l’approvazione della Legge obiettivo istitutiva delle Zone Franche Montane in Sicilia”.

“Tuttavia – ha aggiunto – non abbasseremo la guardia. Dal 18 novembre sono previste ulteriori iniziative per fare sentire alla deputazione regionale che ci siamo”.

“La copertura finanziaria c’è – ha concluso – il cespite tributario che potrebbe finanziare la fiscalità di sviluppo l’abbiamo individuato nell’iva all’importazione. La Sicilia per il 2018 ha sostenuto lo Stato per oltre 2 miliardi e cento milioni di euro. Abbiamo scoperchiato il pentolone e l’Ars sta dimostrando un comune e trasversale impegno per il bene della Sicilia”.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684