Zone franche montane in Sicilia, Drago (M5S): “Sbloccare legge” - QdS

Zone franche montane in Sicilia, Drago (M5S): “Sbloccare legge”

redazione

Zone franche montane in Sicilia, Drago (M5S): “Sbloccare legge”

sabato 24 Ottobre 2020 - 00:00

ROMA – La senatrice del Movimento Cinque Stelle Tiziana Drago (nella foto) è intervenuta nel corso dell’audizione, in commissione Finanze e Tesoro, in merito all’esame della legge istitutiva delle Zone franche montane (Zfm) in Sicilia. Non dovendo più attendere altri rimandi, la senatrice Tiziana Drago auspica che l’iter legislativo venga portato a compimento e che non incontri altri rallentamenti alla Camera, dovendo divenire legge al più presto.

“Quando si parla di queste misure è bene parlare di una fiscalità di sviluppo e non di fiscalità di vantaggio. Le aree interne e montane della Sicilia hanno bisogno di un adeguato sostegno specie dinanzi a un’epidemia che sta stravolgendo e stravolgerà il mondo e l’economia, da oggi sino ai prossimi venti anni. Il mio pensiero va alle PMI, alle famiglie che vivono nei borghi montani. La legge che si è bloccata nel passaggio tra le due Camere – prosegue la senatrice – deve arrivare in porto e l’iter legislativo non può bloccarsi per mancanza di copetura finanziaria. I fondi a cui attingere, 300 mln annui, sono regionali, pertanto né il MEF, né il Ministro Gualtieri, né il Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza (Pnrr) dovranno contribuire con altro. La Sicilia vanta un credito Irpef dallo Stato di ben oltre 30 miliardi di euro e non possiamo quindi bloccare una legge importante per la Regione adducendo a mancanti fondi”.

“La questione fiscale è dirimente – ha concluso Drago – e ho già sollecitato il ministro Boccia, a riunire, di concerto col Presidente Musumeci, la Commissione Paritetica tra Stato e Regione Siciliana, fatto da me riferito durante l’audizione in Commissione Finanze e Tesoro anche all’Assessore regionale al bilancio, Gaetano Armao, per addivenire a un confronto proficuo e soluzioni definitive”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684