Categories: BreviNews - Ambiente

Medaglia d’oro alla Sicilia per raccolta di carta e cartone, crescita del +15,9%

La raccolta differenziata di carta e cartone cresce anche nel 2019 segnando un +3%. Il Sud con un incremento dell’8,5% traina la crescita nazionale e supera il Centro per volumi raccolti, e si riduce quindi il gap tra le macroaree Nord, Centro e Sud. “Rispetto al 2018, infatti, il Sud Italia supera le 873mila tonnellate, pari a un +8,5%, portando a 41,8 kg la raccolta pro-capite e superando per volumi raccolti le regioni dell’Italia Centrale”, ha spiegato Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco, nel corso della presentazione del Rapporto annuale sulla raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone in Italia, giunto alla 25ma edizione.

A tirare le fila di questa progressione è ancora una volta la Sicilia con un +15,9%, seguita dal Molise (+12,5%) e dalla Calabria (+9,3%). Nel Centro Italia sono state raccolte oltre 841mila tonnellate di carta e cartone (+2,8% vs. 2018), per una media pro-capite di 69,0 kg. La Toscana guida gli incrementi mettendo a segno un +4,4%. Malgrado il segno positivo riscontrato in tutte le Regioni, il Centro continua a pagare dazio alle problematiche nella raccolta rifiuti a Roma, che frenano il raggiungimento di risultati in linea con il potenziale.

Il Nord Italia si conferma filone aurifero nella raccolta differenziata di carta e cartone con 1,8 milioni tonnellate (+0,6%). In volumi il maggior azionista e’ la Lombardia con poco meno di 568mila tonnellate, mentre l’Emilia-Romagna si conferma leader per raccolta media pro-capite con 85,2 kg. La raccolta differenziata di carta e cartone viene fatta di piu’, ma anche meglio. In tal senso, il Rapporto mette in evidenza il miglioramento qualitativo dei materiali a base cellulosica avviati al riciclo. Dopo alcuni anni, infatti, l’incidenza delle impurita’ nella raccolta differenziata di carta e cartone svolta dalle “famiglie” torna sotto la soglia del 3%, mentre viene confermata l’eccellente qualita’ delle raccolte sui circuiti “commerciali”.

“I numeri e soprattutto i trend presentati dal Comieco dimostrano, infatti, come i principi dell’economia circolare siano efficaci ed efficienti”. ha detto il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa. “Ed è una buona notizia il fatto che molte amministrazioni comunali quest’anno abbiano voluto rientrare nella filiera del riciclo, un segnale di fiducia al quale la filiera ha saputo rispondere efficacemente nonostante alcune difficolta’ del mercato. Adesso – ha concluso Costa – è il momento dell’impiantistica, questa èla grande sfida. C’è l’occasione del Recovery Plan, ora le risorse ci sono”.

redazione

Recent Posts

  • Palermo

A Carini sprint verso le amministrative

Sono in corsa l’uscente Monteleone, Conigliaro, Evola, Lo Piccolo, Pellerito, Sgroi e Tantino. Si infiamma la strada che porterà la…

3 minuti ago
  • Messina

“Sanificazione contabile” al Comune di Taormina

L’emergenza sanitaria e le sue conseguenze hanno aggravato i problemi finanziari del Comune. Concessi dallo Stato 978 mila euro, ma…

5 minuti ago
  • Brevi
  • News - Cultura

L’Opera dei Pupi torna in scena, grande successo in tutta la Sicilia

Oltre mille spettatori, in misura contingentata e distanziata, hanno festeggiato in tutta la Sicilia la riapertura dei Teatri dove si…

6 minuti ago
  • Inchiesta

Gap Nord-Sud, “M5s inadeguato e Pd partito nordista, siamo messi male”

Busetta (Istituto Esperti Studi Territoriali) al QdS, "Basta con la logica per cui prima la locomotiva Nord, poi le mancette…

6 minuti ago
  • Brevi
  • News - Cronaca

Olimpiadi Fisica, Italia con 5 studenti

FABRIANO - Il Liceo Classico Stelluti di Fabriano è la sede prescelta per la squadra italiana alle Olimpiadi Europee della…

6 minuti ago
  • Brevi
  • News - Cronaca

Scuola, Pierpaolo Sileri: “Apriremo in sicurezza”

ROMA - A settembre “le nostre scuole riapriranno in sicurezza grazie all’attento lavoro fatto dalla ministra Lucia Azzolina e dal…

6 minuti ago