Categories: Politica

Welfare, un assegno universale per i figli fino a ventun anni

“La misura prevede che le famiglie ricevano un assegno per ciascun figlio dalla nascita ai 21 anni di età. Ed è prevista una maggiorazione dal terzo figlio”, ha detto.

Di assegno si era parlato spesso in questi mesi, ma solo ieriElena Bonetti ha annunciato che ne godranno anche i genitori con figli fino ai 21 anni.

Una novità importante: “nel caso di figli disabili l’assegno universale prevede una maggiorazione tra il 30 e il 50%, e sarà esteso per tutto l’arco della vita”.

“Stiamo lavorando perché l’assegno arrivi dal prossimo anno – ha ribadito Bonetti – Proprio ieri si è svolta alla Camera dei deputati la discussione generale sull’assegno che è la prima misura del Family act che prenderà forma. Ho molto apprezzato il contributo dato dalle forze di opposizione: per servire questo Paese avremmo dovuto evitare qualsiasi ideologia per arrivare a progetti e risposte concreti. Per farlo è necessaria anche una trasversalità”.

Della cifra, che verrà erogata ogni mese “a tutte le famiglie” a seconda del reddito Isee e “sarà facilmente accessibile”, non ha ancora parlato la ministra “perché stiamo facendo i conteggi anche in base alla riforma fiscale. E’ un provvedimento che metterà ordine nella giungla delle detrazioni già esistenti. In una prima simulazione si era fatta l’ipotesi di una cifra tra i 200 e i 250 euro, ma bisogna avere la certezza che sia una cifra che non faccia perdere denaro a nessuna famiglia”.

Per la Ministro “questa stabilità significherà aiutare le famiglie in una progettualità, dai consumi alle scelte”.

Intervenendo alla Camera, Elena Bonetti ha sottolineato che con l’assegno “permettiamo di far diventare le politiche per la famiglia non più politiche di costo ma di investimento: c’è un cambio di paradigma perchè noi stiamo riconoscendo le famiglie come soggetti”.

E politiche per la famiglia significa anche scelte di sostegno alla genitorialità e al lavoro femminile perchè, ha sempre sottolineato Bonetti, “solo politiche di investimento nel lavoro femminile possono avere portata significativa anche in ambito demografico”.

Forse per questo ha voluto fare un riferimento esplicito al baby boom post Covid che si è verificato nell’ospedale di Cremona con la dedica “ai 15 bambini nati a Cremona e a tutti i bambini nati in questi mesi di difficoltà. Vorrei si sentissero accompagnati e custoditi nella loro crescita”. Una dedica anche a tutte le bambine “perché non debbano più scegliere se essere madri o lavoratrici”.

Sull’assegno unico e universale si comincerà a votare alla Camera il 16 luglio.

redazione web

Recent Posts

  • Italpress

Roma-Inter 2-2, Lukaku pari di rigore e nerazzurri a -5 dalla Juve

ROMA (ITALPRESS) - Roma e Inter non vanno oltre un 2-2 che non serve molto a entrambe. Non alla squadra…

6 ore ago
  • Politica

Migranti, oggi la ministro Lamorgese a Lampedusa

Attesa dal sindaco Totò Martello, che ha invitato il Pd ad affrontare il tema degli sbarchi. Il sindaco di Messina…

6 ore ago
  • Fatti

Vulcani, Stromboli mette paura, ma l’allarme rientra

All'alba di ieri due forti esplosioni, meno intense comunque di quelle del tre luglio dello scorso anno, avvertite dalla popolazione.…

6 ore ago
  • Politica

Anniversario Borsellino, Mattarella, “da lui la via del coraggio”

Per il Capo dello Stato insegnò la fedeltà autentica ai valori della Repubblica. I discorsi dei presidenti di Camera e…

6 ore ago
  • Politica

Pd, Anthony Barbagallo, “Voglio un partito equipaggio”

Lo ha detto il nuovo segretario dem chiudendo il congresso ad Aidone. Il ministro Boccia, "in Sicilia nuovo inizio e…

6 ore ago
  • Mondo Sport

Calcio Catania, domani Sigi presenta la sua offerta d’acquisto

Il presidente Fabio Pagliara, "Depositandola, la matricola sarà automaticamente salva e questo ci fa tutti contenti". Forse Grimaldi Lines come…

6 ore ago