Categories: Palermo

Palermo, lo stop in Consiglio ai Piani costruttivi crea nuove tensioni nella maggioranza

PALERMO – Il Consiglio comunale ha bocciato sei piani costruttivi (di fatto varianti urbanistiche) che prevedevano la conversione di ex aree industriali in zone di edilizia residenziale popolare con la costruzione di 666 alloggi.

I piani erano stati presentati nel 2013 da un gruppo di cooperative edili. Se approvati, sarebbero stati “calati” nel nuovo Piano regolatore generale ma anche stavolta la maggioranza (che attraversa un periodo di fibrillazione per la nascita del gruppo consiliare “Italia Viva” con fuoriusciti da Pd, Sicilia Futura più altri orlandiani) non si è dimostrata compatta e alcuni consiglieri, come Paolo Caracausi del Movimento 139 o Claudio Volante dei Comitati civici, si sono astenuti o hanno votato a favore di questo o quel piano.

“Spiace constatare – ha detto Fausto Melluso di Sinistra Comune – che la maggioranza non sia stata del tutto coesa rispetto alla bocciatura del provvedimento, che è stato comunque sostenuto anche da consiglieri ‘esterni’ cui va dato atto di aver svolto un ruolo importante per la gestione di questa delicata vicenda. In una città in cui ci sono 30 mila appartamenti vuoti è impensabile riscontrare un’utilità pubblica nell’idea di costruirne altri anche in deroga alla normativa di tipo urbanistico vigente. Resta il tema delle aree industriali dismesse che per noi è fondamentale: in sede di discussione del nuovo strumento urbanistico, cioè il Piano regolatore generale, siamo certi che l’Amministrazione e la maggioranza troveranno il modo di utilizzarle al meglio e a favore delle categorie sociali che partono da una situazione di svantaggio”.

“Il fatto che siamo qui a votare piani di sei anni fa – ha detto Volante bacchettando i suoi – è già una sconfitta perché sono tutti datati e perché l’imprenditore interessato sei anni fa potrebbe non esserlo più oggi. Non si può chiedere a qualcuno di investire uno o due milioni di euro su un progetto che viene approvato sei anni dopo, rischiando il fallimento. Esprimo parere favorevole per tutti e sei i piani per rispetto di tutti i professionisti e gli imprenditori che hanno aspettato così tanto per ottenere una risposta”.

Le ex aree industriali – ha ribadito Caracausi – sono abbandonate e nel degrado e vanno riqualificate. Questo atto si è protratto per sei anni: se i progetti non andavano bene andava detto sei anni fa e non oggi”.

Le sei proposte riguardavano l’ex cotonificio di via Aiace a Partanna Mondello, gli ex mulini Virga a Sant’Erasmo, l’ex Keller di via Maltese e le aree industriali di San Lorenzo, via Tiro a Segno e via Messina Marine e, come sostenuto da Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo, “prevedevano, secondo il sindaco Leoluca Orlando, demolizioni a tappeto per fare spazio a edilizia sovvenzionata. Inoltre, su tre dei progetti è in corso un’indagine giudiziaria. Nei fatti il sindaco non ha più la maggioranza a Sala delle Lapidi e suoi assessori continuano a barcamenarsi tra provvedimenti assunti d’urgenza per far fronte a uno stato emergenziale cittadino, privo di regolamentazioni certe e di progetti autenticamente utili al bene pubblico. Continuiamo ad assistere al triste spettacolo della quinta consiliatura orlandiana, ormai a brandelli e boccheggiante che non riesce a garantire gli stessi cittadini”.

“Nonostante le pressioni giunte da tutte le parti – ha detto l’ex M5s ora al Misto Giulia Argiroffiil Consiglio comunale ha saputo salvaguardare l’interesse pubblico, ponendolo come prioritario rispetto a quello privato: ha saputo riconoscere il valore dell’archeologia industriale, delle regole e della pianificazione (che non esiste). Ha riconosciuto la pericolosità di deroghe, sempre e soltanto deroghe, in assenza sistematica di ogni forma di pianificazione. E della variante al Prg? Ancora nessuna notizia”.

In Aula era presente il capo Area tecnica della Riqualificazione urbana delle Infrastrutture, Nicola Di Bartolomeo, che ha ammesso “i disservizi e le migliorie da apportare in alcuni uffici, più al Sue (Sportello unico edilizia, nda) che al Centro storico” ma che “gli uffici lavorano e i permessi di costruire e le autorizzazioni vengono rilasciati. Solo quest’anno, per esempio, nel centro storico abbiamo rilasciato 48 permessi di costruire e centinaia di pareri”.

Gaspare Ingargiola

Recent Posts

  • Brevi
  • News - Economia

Fisco, oggi è il tax day, ma Confcommercio lancia l’allarme ingorghi

Oggi è il tax day, ma il mancato rinvio delle scadenze fiscali rischia di mettere in ginocchio le imprese già…

40 minuti ago
  • Brevi
  • Brevi - Trapani

Raccolta differenziata, Petrosino premiato dalla Regione come “Comune Virtuoso 2019″

Riconoscimento per il Comune di Petrosino sul fronte della raccolta differenziata dei rifiuti. L’ente è stato, infatti, premiato dalla Regione…

1 ora ago
  • Brevi
  • News - Politica

Recovery fund, ancora niente accordo, oggi nuovo round con l’Ue

Riprenderanno oggi alle 16 i lavori del Consiglio europeo sul Recovery fund, dopo il nulla di fatto anche ieri nella…

2 ore ago
  • Brevi
  • News - Sanità

Coronavirus, il sindaco di Modica, i clienti della escort peruviana facciano i tamponi

Il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, da qualche giorno invita i suoi concittadini a sottoporsi al test del tampone se…

2 ore ago
  • Brevi
  • News - Cronaca

Turista soccorsa con elicottero nella riserva dello Zingaro

Primo intervento della stagione da parte del Soccorso alpino e speleologico siciliano nella riserva dello Zingaro, nel Trapanese, in sinergia…

2 ore ago
  • Brevi
  • News - Cronaca

Attentati, a Gela incendiato il portone della sede di una tv e di un sito d’informazione

Incendiato, a probabile scopo intimidatorio, il portone dell'edificio che a Gela ospita, nel centro storico, l'emittente televisiva TeleGela 647 e…

3 ore ago