Palermo - Cimiteri: modifiche al regolamento e maggiore spazio alle cremazioni - QdS

Palermo – Cimiteri: modifiche al regolamento e maggiore spazio alle cremazioni

Gaspare Ingargiola

Palermo – Cimiteri: modifiche al regolamento e maggiore spazio alle cremazioni

giovedì 19 Giugno 2014 - 10:00

Negli ultimi anni l’impianto dei Rotoli è stato troppo spesso inattivo per colpa di guasti e usura. Il Consiglio comunale si è espresso in favore di un secondo e più moderno forno

PALERMO – Piccoli segnali di un ritorno alla normalità per i cimiteri del capoluogo, in particolare per quello di Santa Maria dei Rotoli, che in questi anni non si è fatto mancare proprio niente tra lavori di messa in sicurezza al costone roccioso di Monte Pellegrino, salme che si accumulano nel deposito e un forno crematorio che funziona a singhiozzo.
Il Consiglio comunale ha approvato una delibera e una mozione, su proposta del consigliere del Pd Sandro Leonardi, che modificano il regolamento dei Servizi cimiteriali e impegnano il Comune a dotarsi di un secondo e più moderno forno crematorio, come da tempo richiesto dal dirigente Gabriele Marchese, e a predisporre spazi più ampi per il commiato, i funerali civili e i giardini della memoria, aree destinate alla dispersione delle ceneri. L’obiettivo è assicurare a ciascuno il diritto di scelta tra le diverse pratiche funerarie (inumazione, cremazione, e così via).
“Abbiamo così dato dignità alla cremazione come pratica funeraria e abbiamo impegnato l’amministrazione a comprare un secondo forno per evitare viaggi lunghi e costosi fuori dalla Sicilia”, ha commentato Leonardi.
Già, perché negli ultimi anni il forno crematorio del cimitero di Santa Maria dei Rotoli è stato troppo spesso al centro della cronaca cittadina a causa dei lunghi periodi di inattività, dovuti a guasti e usura, che tanti disagi hanno creato ai siciliani, costretti ad affrontare penose trasferte in altre regioni per cremare le salme dei propri cari. Fatto, questo, che ha comportato, oltre a un aggravio dei costi a carico dei cittadini, anche un mancato introito nelle casse comunali. Per questo Sala delle Lapidi ha impegnato l’amministrazione all’acquisto di un nuovo impianto e di un escavatore.
Via libera anche alla razionalizzazione del sistema cimiteriale, all’integrazione dell’organico, alla nomina di un direttore responsabile per ogni cimitero e alla formazione del personale, su cui costi, però, il ragioniere generale Carmela Agnella ha chiesto maggiori chiarimenti all’aula.
Intanto arrivano buone notizie in merito all’emergenza sepolture, che sembra quasi superata: nel deposito è rimasta ormai “solo” una decina di salme da seppellire. Nell’ultimo anno le bare accumulate in deposito avevano superato anche il centinaio.
“Presto saremo a quota zero – ha detto Marchese – e si tratta di un risultato raggiunto a fronte di tante problematiche, dai furti delle attrezzature alle carenze di mezzi e personale, ai guasti all’escavatore. Ora il camposanto sta tornando alla normalità grazie al lavoro degli operai comunali e Gesip”.
Per Rosario Filoramo del Pd “le problematiche nei cimiteri di Palermo pesano sulle famiglie già colpite dal lutto e rappresentano un’emergenza igienico-sanitaria. Non è più consentibile assistere inerti a questo stato di cose che aggiunge dolore al dolore e lascia margini a fenomeni di speculazione nel settore dei cimiteri privati”. Per il democratico la soluzione consiste nella “realizzazione improcrastinabile del nuovo cimitero comunale, che il nuovo Prg prevede a Ciaculli ma che al momento rischia di divenire l’ennesima chimera. La delibera e la mozione approvate dal Consiglio comunale segnano in modo chiaro, legandolo all’approvazione del bilancio da parte della Giunta e successivamente del Consiglio, l’avvio definitivo della soluzione del problema”.
“Così come riteniamo – ha concluso Filoramo – che la permanenza del cimitero di Sant’Orsola nelle mani di una confraternita sia anacronistica e debba essere superata attraverso la sua acquisizione al patrimonio comunale”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684