Epatite C, campagna di prevenzione - QdS

Epatite C, campagna di prevenzione

redazione

Epatite C, campagna di prevenzione

martedì 16 Febbraio 2016 - 05:00

Il ministro Lorenzin: “Trovata la cura, ora bisogna sradicare la malattia dall’Italia”

ROMA – I prezzi bassi del farmaci per l’epatite C ci permettono di curare più persone affette dalla malattia. Lo ha detto il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a margine della presentazione della “Campagna di sensibilizzazione sul’Epatite C” ponendo anche l’accento sull’importanza che riveste il dialogo tra le Associazioni e malati per migliorare le cure.
“Quest’anno – ha ricordato il ministro – siamo in una fase molto importante per la malattia, abbiamo superato la soglia di cura dei pazienti e questo ci permette di abbattere in modo consistente il prezzo del farmaco e renderlo ancora più ‘prescrittibile’ da parte dello Stato, permettendo di conseguenza di raddoppiare le persone prese a carico, e perseguire il percorso comune con le Associazioni di eradicamento nei tempi previsti”.
“Abbiamo finalmente trovato una cura ad una malattia diffusissima – ha proseguito la Lorenzin – ma ora l’obiettivo per me è quello nei prossimi anni di eradicare l’epatite C dall’Italia. Una malattia che possiamo iniziare a dire sconfitta per tutti gli italiani’’.
“Sono convinta che molti di voi – ha detto il ministro poi rivolgendosi alla platea – hanno parenti e amici malati di epatite C o che sono morte. Questo non deve più accadere e dobbiamo riuscire a sconfiggerla. Abbiamo messo i soldi, ora è un tema solo di organizzazione’’.
Contemporaneamente si sono riunite per la prima volta a Roma, le sei associazioni nazionali di pazienti affetti da Epatite C, con l’obiettivo comune di fare informazione sulle implicazioni derivanti dal contagio e di sensibilizzare l’opinione pubblica sui comportamenti da adottare per conoscere e prevenire la malattia creando un sito dedicato (www.senzalac.it) e la distribuzione di brochures informative nelle farmacie italiane.
Oggi in Italia le diagnosi di epatite C potrebbero essere circa 300mila, di cui 160-180.000 pazienti eleggibili a un trattamento antivirale, mentre non è possibile quantificare il sommerso; ogni anno si verificano circa 1.000 nuovi casi. Anche se grazie ai nuovi farmaci sono quasi 30mila i pazienti curati con percentuali di guarigione vicino al 100%, “la prevenzione resta la cura primaria”. (dr)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684