Catania - Street control, rivedere le regole - QdS

Catania – Street control, rivedere le regole

redazione

Catania – Street control, rivedere le regole

venerdì 11 Marzo 2016 - 03:00

Il sistema di videocontrollo non lascia margini di tollerabilità. I negozianti del Viale Vittorio Veneto: commercio in ginocchio

I commercianti del Viale Vittorio Veneto sono sul piede di guerra. Il sistema “Street control” adottato dalla Polizia municipale di Catania ha prodotto in meno di due mesi migliaia di multe scoraggiando i potenziali acquirenti a recarsi nei negozi della zona.
Il risultato, commercio sempre più in ginocchio e piccoli imprenditori costretti a valutare l’eventuale chiusura delle loro attività. Nella sede di Confesercenti di Catania il direttore provinciale Salvo Politino e il presidente onorario Enza Lombardo hanno raccolto lo sfogo di una delegazione e cercato soluzioni da proporre all’amministrazione comunale per risolvere la questione che riguarda, non solo i clienti, ma anche i fornitori.
Il sistema di videocontrollo non lascia margini di tollerabilità neanche per la breve sosta per il carico e scarico delle merci. Tra le ipotesi formulate durante l’incontro quella di ridimensionare il numero di stalli blu ed eliminare le strisce gialle degli autobus, ripristinando così degli spazi gratuiti per la sosta breve sotto il controllo dei vigili urbani.
Ciò consentirebbe un movimento più snello di vetture e una turnazione di parcheggi che agevolerebbe i fornitori e gli acquisti veloci di prodotti come pane e tabacchi.
Il direttore Salvo Politino e il presidente onorario Enza Lombardo ribadiscono che “Non si vuole non fare applicare le regole. Serve però un programmazione complessiva per dotare la città di un valido sistema infrastrutturale e di parcheggi. E soprattutto non si può prescindere dalla valutazione umana e demandare tutto ad un occhio elettronico. Occorre sempre distinguere una sosta da una fermata e capire le motivazioni di un breve stop dell’auto. Il controllo dei Vigili è sempre auspicabile poiché riesce a discernere il comportamento corretto da quello incivile e punire solo il secondo.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684