Saldi ufficiali dal 2 gennaio nei negozi sono già scattati - QdS

Saldi ufficiali dal 2 gennaio nei negozi sono già scattati

Saldi ufficiali dal 2 gennaio nei negozi sono già scattati

venerdì 18 Dicembre 2009 - 00:00

Anticipato di pochi giorni il periodo più atteso dai consumatori. Assocommercianti soddisfatte, subito la vendita sottobanco

PALERMO – In Sicilia la stagione dei saldi comincerà ufficialmente il prossimo 2 gennaio. Il decreto autorizzativo è atteso alla firma dell’assessore regionale al Commercio, Titti Bufardeci, che mercoledì scorso ha incontrato i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e deicommercianti. “Prima di intervenire su un tema così delicato – ha detto Bufardeci – abbiamo voluto incontrare gli attori e i protagonisti interessati alla programmazione commerciale. All’unanimità è stato suggerito di anticipare la stagione dei saldi, che quest’anno inizieranno in Sicilia dal 2 gennaio”.
“è una scelta che l’amministrazione regionale condivide – ha continuato l’assessore – e va nella direzione di un rilancio dei consumi in questo momento segnato da fortissime criticità. Sono convinto che si sia trovato il giusto equilibrio tra l’esigenze di chi deve rilanciare la propria attività commerciale e le legittime aspettative dei consumatori che hanno il diritto di pianificare per tempo le proprie scelte d’acquisto”.
“Dobbiamo dare atto all’assessore Bufardeci dell’utile e proficua concertazione avviata con le associazioni di categoria e in particolare con Confcommercio. Sul tavolo tecnico sono state portate le esigenze, le attese e le preoccupazioni degli operatori del settore del commercio. Sono state accolte le nostre richieste di anticipare al 2 gennaio l’inizio dei saldi, come già in altre regioni italiane”. Lo dice il coordinatore regionale di Confcommercio, Julo Cosentino.
“Inoltre per la prima volta il governo regionale ha accolto la richiesta di far anticipare anche le vendite promozionali – proseguono – Complessivamente è stato raggiunto un importante traguardo, in un momento in cui il commercio ha bisogno di un grande sostegno e di stimoli per ricominciare ad avere fiducia nella ripresa dell’economia”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684