Regione: più che investire, trasferisce - QdS

Regione: più che investire, trasferisce

Lucia Russo

Regione: più che investire, trasferisce

mercoledì 13 Gennaio 2010 - 00:00

L’analisi dei flussi finaziari pubblici della Sicilia nel volume: “L’Italia secondo i Conti pubblici territoriali” del 2009. Destinatarie dei trasferimenti le imprese, ma tale spesa si è rivelata non in grado di favorire lo sviluppo

PALERMO – Come spiega ben dettagliatamente il volume “I conti pubblici territoriali, i flussi finanziari pubblici della Sicilia” a cura della Regione, la spesa in conto capitale al netto delle partite finanziarie è composta da Investimenti, Trasferimenti a famiglie e imprese e Somme non attribuibili (di entità trascurabile e inglobate in Trasferimenti a imprese). Gli Investimenti ne coprono la parte più rilevante.
Il monitoraggio della quota di investimenti sul totale della spesa nel tempo rappresenta uno strumento utile per valutare la capacità di un’area geografica di alimentare lo sviluppo.
“Sia la Regione che il Sud – è scritto a pagina 31 del volume – vedono un peso più consistente dei Trasferimenti, in particolare di quelli destinati alle imprese”.
In particolare si sottolinea che nel periodo in esame tale tipologia di spesa (quella per trasferimenti appunto) si è rivelata poco idonea a orientare lo sviluppo verso quelle trasformazioni necessarie a colmare i divari con il resto del Paese.
La differenza tra Sud e Centro-Nord è legata alle forme di incentivazione dello sviluppo territoriale finanziate con risorse pubbliche aggiuntive destinate in massima parte all’area meridionale ed è condizionato dai fondi comunitari di cui hanno beneficiato tutte le regioni Obiettivo 1, anche se in Sicilia la programmazione comunitaria ha presentato un forte ritardo nei pagamenti delle risorse del POR 2000-2006.
Dal confronto dell’evoluzione degli investimenti procapite in Sicilia, Sud e Italia nel periodo 1996-2007 emerge che gli indicatori relativi a Centro e Nord appaiono sempre superiori a quelli del Sud e della Sicilia (vedi la Figura 5.7 qui riportata).
La Sicilia si posiziona talora al di sotto, talora al di sopra della macroarea e, tranne che in qualche anno, la distanza tra la Regione e il Sud è di entità contenuta. Si nota un picco nel 2001, causato prevalentemente da variazioni nel settore Mobilità delle Amministrazioni centrali e delle Imprese pubbliche nazionali.
I comparti che incidono maggiormente sul totale degli investimenti, nel periodo 1996-2007 sono Mobilità, Attività produttive e opere pubbliche e Reti infrastrutturali.
Limitando l’analisi ai comparti che incidono maggiormente sul totale degli investimenti, nel periodo 1996-2007 si nota che nella Mobilità il valore degli investimenti procapite della Sicilia cresce fino al 2001 per effetto di un incremento nel settore viabilità dell’Amministrazione centrale, per poi presentare nel 2007 valori analoghi al 1996.
L’indicatore per Attività produttive e opere pubbliche nella Regione evidenzia oscillazioni relativamente ampie al di sopra e al di sotto della media nazionale.
Il 2006 è caratterizzato da un incremento consistente (prevalentemente in Agricoltura per l’Amministrazione regionale), che porta la Regione su un valore procapite decisamente superiore all’Italia.
In Reti infrastrutturali si evidenzia una riduzione degli investimenti procapite nel periodo considerato, mentre il Ciclo integrato dell’acqua presenta una lieve diminuzione fino al 2004 per poi ritornare a valori simili al 1996.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001