Dispersione scolastica da record e flop del tempo pieno: Sicilia cattivo esempio - QdS

Dispersione scolastica da record e flop del tempo pieno: Sicilia cattivo esempio

redazione

Dispersione scolastica da record e flop del tempo pieno: Sicilia cattivo esempio

giovedì 12 Aprile 2018 - 04:00
Dispersione scolastica da record e flop del tempo pieno: Sicilia cattivo esempio

Analisi Flc Cgil su dati Istat e Miur presentata mercoledì nell’ambito di un seminario di studi sulla figura di Don Milani. Il dato dell’Isola il peggiore d’Italia. Le regioni da prendere a modello sono Emilia R. e Marche 

PALERMO – La Sicilia è la prima Regione in Italia per dispersione scolastica e ultima per tempo pieno. È questo lo spaccato che emerge dall’analisi condotta dalla Flc Cgil Sicilia, su dati Istat e Miur, presentata mercoledi nell’ambito di un seminario di studi sulla figura di don Milani, organizzato dal Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina.
In Sicilia infatti il tasso di dispersione scolastica raggiunge la percentuale più alta dell’1,3%. Seguono Calabria, Campania e Lazio con l’1%, mentre la percentuale più bassa si evidenzia in Emilia Romagna e Marche con lo 0,5%. Un dato, quello siciliano, nettamente superiore rispetto alla media nazionale dello 0,8% e a quella del Mezzogiorno dell’1%.
I dati evidenziano come una maggiore propensione all’abbandono scolastico si verifica nelle aree più disagiate del Paese, mentre è decisamente più contenuta in quelle più ricche come il Nord Est, con una media pari allo 0,6%. Le cose purtroppo non cambiano se si prende in considerazione il tempo pieno a 40 ore, che in Sicilia riguarda solo il 7% della scuola primaria. Dati non certamente paragonabili al 49% dell’Emilia Romagna o, addirittura, al 53% della Lombardia, dove a Milano si registrano punte massime del 91% e a Monza dell’85%.
“Numeri che danno il senso dell’arretratezza nella quale si trovano tutte le città siciliane. Su tutte Palermo con il 5%, Trapani con il 4% e Ragusa con il 2%”, commenta la segretaria della Flc Cgil Sicilia, Graziamaria Pistorino. “Bisogna colmare questo divario tra Nord e Sud – conclude Pistorino – per dare a tutti le stesse opportunità, recuperare l’insegnamento di don Milani e dare piena attuazione alla Costituzione.
L’istruzione è il principale fattore di crescita e di sviluppo non solo delle persone, ma anche del Paese”.

Potrebbe interessarti anche:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684