Mancato pagamento dell'Ici, la prescrizione matura in 5 anni - QdS

Mancato pagamento dell’Ici, la prescrizione matura in 5 anni

Iole Gagliano

Mancato pagamento dell’Ici, la prescrizione matura in 5 anni

venerdì 25 Marzo 2011 - 00:00

Il termine s’interrompe se il Comune notifica un qualsiasi atto scritto

CATANIA – L’art 11 della legge n. 504 del 1992 statuisce che: “nel caso di omessa presentazione dell’Ici, l’avviso d’accertamento dev’essere notificato, entro il 31 Dicembre del quinto anno, successivo a quello in cui la dichiarazione o la denunzia avrebbero dovuto essere presentate”. Così ad esempio, se l’ici dovuta è quella relativa all’’anno 2006, la prescrizione si verificherà esattamente dopo la mezzanotte del quinto anno successivo, e cioè all’indomani del 31.12.2011: quindi, il primo Gennaio 2012.

Va detto, però, che, durante i cinque anni occorrenti per la maturazione della prescrizione, il Comune, quale ente creditore, può interrompere il termine di prescrizione con la notifica di un qualsiasi atto scritto (sollecito o richiesta di pagamento, effettuata sia a mezzo della posta sia con tramite il messo comunale. A tal proposito, ai fini della notifica dell’atto e dell’inizio della decorrenza del termine (di prescrizione), occorre guardare al momento in cui l’ufficio notificante esaurisce il suo compito di notifica, spedendo l’atto, al contribuente. L’atto, in questo caso, per il Comune si considera notificato al momento della spedizione del plico postale, raccomandato AR.
Per il contribuente, invece, l’atto si considera notificato al momento in cui esso gli viene materialmente consegnato. Pertanto, ai fini della presentazione dell’eventuale ricorso, presso la Commissione Tributaria Provinciale competente (cioè, dove si trova l’immobile), il previsto termine di sessanta giorni, decorrerà non già dalla data di spedizione effettuata dal Comune, ma dall’ effettiva data in cui l’atto perviene al destinatario. Va qui segnalata, però, un’eccezione: Per quanto riguarda l’Ici dovuta per gli anni, che vanno dal 2000 all’anno 2004 – a seguito della finanziaria approvata il 30.12.2004 – il termine per l’accertamento dell’Ici è slittato di un anno, con la conseguenza che la prescrizione si verificherà, di fatto, non già dopo cinque anni, bensì dopo sei anni. Così se è dovuta l’ici per l’anno 2004, il termine decorrerà dal 31.12.05, con la conseguenza che l’imposta si prescriverà il 31.12.2010, anziché il 31.12.2009.

Avv. Jole Gagliano
collegio dei professionisti di Veroconsumo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684