Palermo - Centro storico: avanti... Piano con molti interessi contrapposti - QdS

Palermo – Centro storico: avanti… Piano con molti interessi contrapposti

Gabriele Ruggieri

Palermo – Centro storico: avanti… Piano con molti interessi contrapposti

martedì 02 Agosto 2011 - 00:00

Lo strumento urbanistico è importante per intercettare finanziamenti volti alla riqualificazione. L’incontro sul Ppe è stato un invito a lavorare insieme. Il confronto non sarà facile

PALERMO – Ha riscosso un grande successo di partecipazione la conferenza dibattito organizzata allo Steri da parte del presidente della Commissione Urbanistica del comune di Palermo, Nadia Spallitta, al fine di presentare al pubblico le linee guida che serviranno da base per la stesura del nuovo e tanto atteso Ppe (Piano particolareggiato esecutivo) del centro storico cittadino. Il dibattito, nel quale sono coinvolti esperti del settore, urbanisti , oltre che giuristi, rappresentanti di categoria e le varie associazioni e movimenti palermitani, ha messo in evidenza numerosi punti di confronto ed a volte di disaccordo, rendendo la discussione quantomai animata.
«La base di partenza per la stesura di queste linee – ha detto Maurizio Carta, ex assessore al Centro storico ed autore delle linee guida in questione – è stata la continua ricerca di alcuni valori presenti nel centro storico, che ormai sono prossimi allo zero, ma che, se adeguatamente rivitalizzati potrebbero ridare quella spinta propulsiva che il nostro centro ha perso negli ultimi anni, riuscendo a superare anche l’ostacolo della mancanza di fondi pubblici spendibili per il recupero architettonico. Per fare ciò occorre lavorare tutti insieme, senza dividersi in tifoserie, nonostante molte posizioni siano in contraddizione. I piani come il Ppe, non hanno il compito di risolvere il conflitto, bensì di regolarlo».
Il riferimento è chiaramente rivolto ai rappresentanti delle varie categorie che posseggono interessi nel centro storico, come Confindustria, Cna, centri commerciali naturali ed associazioni cittadine, uniti tuttavia nella loro richiesta, sopra ogni cosa, di concretezza, praticità e regole certe ed eque. Entusiasta, a margine del dibattito che ha toccato moltissimi punti salienti, dalla salvaguarda dei mercati storici alla regolamentazione della variazione di destinazione d’uso dei sottotetti, Nadia Spallitta, che ha preannunciato nuovi incontri aperti al pubblico.
«Ho visto – ha detto la Spallitta – una grande voglia di partecipazione da parte di tutti. Ciò è sintomo del fatto che la città vuole sapere, essere informata, contribuire ed impegnarsi per cambiare le cose, anche per questo a settembre ripeteremo la stessa esperienza, stavolta trattando un altro tema scottante per Palermo, quello della costa».

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684