Schiume e liquami delle fogne di Adrano finiscono dritti dritti nel fiume Simeto - QdS

Schiume e liquami delle fogne di Adrano finiscono dritti dritti nel fiume Simeto

Giuseppe Bellia

Schiume e liquami delle fogne di Adrano finiscono dritti dritti nel fiume Simeto

giovedì 16 Luglio 2009 - 00:00

Ambiente. Depurazione mancata e acque inquinate.
La scoperta. Un anno fa l’insegnante Anzalone osservò riservamenti continui di rifiuti reflui di defecazione nel fiume. Per mesi ha raccolto le testimonianze di chi vive in zona e dei pescatori.
Il sistema. Il sindaco di Adrano, Pippo Ferrante, chiama in causa l’ente gestore del servizio di depurazione e spiega che “bisogna investire molte risorse, ci sono costruzioni abusive”.

ADRANO (CT) – Il fiume Simeto avvolto nella schiuma degli scarichi civili provenienti dalla rete fognaria di Adrano. è questo l’inquietante “spettacolo”, testimoniato dalle foto, a cui si può assistere, giungendo nei pressi del ponte Saraceno: il riversamento dei liquami direttamente sulla foce, senza alcuna depurazione in atto a tutela dell’area protetta dell’oasi.
L’increscioso fatto ambientale è rimasto solo per poco tempo al coperto dalla conoscenza pubblica. A smascherare l’incriminata schiuma, non le autorità pubbliche preposte alla vigilanza, ma una “vulcanica” rappresentante della società civile. L’autrice della scoperta è stata Angela Anzalone, docente d’Italiano, donna dalla spiccata personalità ecologica e dall’impavido carattere. “Era il mese di settembre del 2008 – ha raccontato la Anzalone in esclusiva al Qds – quando nel corso di una passeggiata mi sono imbattuta in questa scoperta”. La docente, insospettitasi di quanto visto, ha approfondito la vicenda cercando riscontri tangibili sull’ipotesi dell’inquinamento in atto a causa del riversamento di rifiuti reflui di defecazione. Si è subito attivata, mettendosi in contatto con chi vive e lavora sul fiume. L’ipotesi, ancora tutta da confermare dell’inquinamento è una certezza per l’Anzalone, che in merito ha raccolto delle testimonianze.
“Diversi pescatori della zona hanno trovato pesci deformi e mi hanno riferito che sono pronti a testimoniare”: l’insegnante per sollevare la gravità dei fatti della schiuma sospetta ha presentato alla Procura della Repubblica di Catania due denunce, affinché anche la magistratura prenda conoscenza del caso. Al contempo, la Anzalone ha informato sull’accaduto tutte le autorità pubbliche, fra cui la Prefettura e l’assessorato provinciale all’Ambiente e alle Aree Protette di Catania.
Ma dalla vicenda meramente giuridico-ambientale passiamo a quella politico-istituzionale. Contattato in merito, il sindaco di Adrano, Pippo Ferrante, fa quadrato sulle responsabilità tecnico-amministrative della vicenda, chiamando in causa l’ente gestore, l’Acoset: “Noi abbiamo un sistema di depurazione- spiega il primo cittadino – ma abbiamo un contratto di affidamento all’Acoset, sia del sistema fognante sia del sistema di depurazione. Abbiamo già mandato più lettere di diffida all’azienda, affinché provvedesse ai lavori della rete fognaria. Sin dall’inizio del mio insediamento – ha rilevato Ferrante – resomi conto dello stato delle condutture, ho ottenuto una delibera dal Consiglio comunale, dando mandato all’avvocato Mineo d’indagare su come operare in merito. Occorre investire molte risorse perché Adrano, come quasi tutte le città siciliane, è stata costruita in modo abusivo”.
La vicenda ha avuto una repentina evoluzione dopo la prima intervista rilasciata dal sindaco. Il 3 giugno si è tenuta una conferenza di servizio fra i rappresentanti dell’Acoset, con a capo il presidente Pippo Giuffrida e il sindaco adranita. Dall’incontro sembra che le parti si siano riavvicinate, ma a conclusione del vertice , Ferrante ha lanciato un ultimatum all’ente gestore. “Entro 15 giorni – ha chiesto – ci dicano dall’Acoset quanto sono disposti a spendere per la rete fognaria e noi indicheremo le priorità su cui intervenire”. Contattati sull’intera vicenda non hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali, né il presidente dell’ente gestore né l’assessore provinciale alle Aree protette, Giovanni Bulla.
Dunque, la vicenda degli scarichi civili sull’area protetta del Simeto non è giunta al suo epilogo: i contorni finali di questa “schiumosa” vicenda sono tutti da definire, fra Comune d’Adrano ed Acoset. Nel frattempo, nel Simeto continuano a riversarsi i rifiuti reflui delle condotte adranite sott’accusa, in attesa che, la situazione di stallo giunga ad una svolta, con gli interventi strutturali necessari per la depurazione delle acquee della condotta.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684