Amianto killer, un vero pasticcio - QdS

Amianto killer, un vero pasticcio

Rosario Battiato

Amianto killer, un vero pasticcio

martedì 17 Gennaio 2012 - 04:00

Ambiente. L’emergenza continua. L’assenza delle Istituzioni.
Malattie. Di amianto si muore: in Sicilia sono in media 70, ogni anno, i decessi causati dall’esposizione al micidiale minerale. Asbestosi e conseguenti mesioteliomi e carcinomi si manifestano anche dopo tanti anni.
Normative. Al bando dal 1992, i materiali a base di amianto sono in realtà presenti ovunque. A distanza di vent’anni, la Regione non ha realizzato il monitoraggio dei siti: doveva essere completato entro il 2009.

PALERMO – Per i tempi isolani due decenni non passano come altrove. In Sicilia gli anni si contraggono scivolando via con estrema facilità. Solamente così si può spiegare come a vent’anni dalla legge 257/92, che obbliga le regioni ad adottare una normativa che si occupi del risanamento dei siti contaminati e della tutela della salute dei lavoratori e dei cittadini esposti al contatto con l’amianto, la Sicilia risulti ancora ferma ad una prima redazione di Piano di metà anni ’90, senza alcun seguito e quindi senza nessuna applicazione. Non sono bastate tre commissioni nominate a Palermo, l’ultima ad inizio 2011, a dirimere la questione. Intanto nelle aree industriali, così come altrove, in particolare nei Siti di interesse nazionale (Gela, Priolo, Biancavilla e Milazzo), si continua a morire. Solo nelle scorse settimane è arrivato il bando da poco più di 10 milioni di euro per la bonifica delle aree ad alto rischio ambientale e per il censimento dei siti contaminati. Due decenni, insomma, per un’emergenza che altrove è stata rimossa già da tempo e che continua a produrre circa 70 casi all’anno di mesotelioma nell’Isola.
Nel gennaio 2011 si è insediata la nuova commissione regionale amianto istituita con un decreto interassessoriale dell’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, e dell’assessore regionale per il Territorio e ambiente, che all’epoca era Gianmaria Sparma. Non è una novità, infatti si tratta della terza commissione voluta dalla Regione: la prima fu istituita nel 1993 e finì con le dimissioni collettive nel 2002 dopo un decennio di inattività mentre la seconda voluta nel 2007 non si è mai insediata. Risultato? La Sicilia deve ancora realizzare il censimento regionale previsto nel 1992. (continua)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684