A Ragusa il record del consumo di suolo, Catania e Trapani sopra la media nazionale - QdS

A Ragusa il record del consumo di suolo, Catania e Trapani sopra la media nazionale

Rosario Battiato

A Ragusa il record del consumo di suolo, Catania e Trapani sopra la media nazionale

lunedì 10 Giugno 2019 - 07:24
A Ragusa il record del consumo di suolo, Catania e Trapani sopra la media nazionale

Istat: in Sicilia urbanizzazione invariata tra 2016 e 2017, cemento in crescita solo in alcune province. Dal Rapporto Bes emerge anche la contrazione nell’Isola dei consumi coperti da rinnovabili

PALERMO – Sull’ambiente le siciliane stanno sempre un passo indietro alle altre. Lo ribadiscono i numeri che sono stati diffusi dall’Istat all’interno delle “Misure del Benessere equo e sostenibile dei territori” e riferiti a province e città metropolitane. Persino su due aspetti come il consumo di suolo e l’energia rinnovabile, passaggi fondamentali del futuro sostenibile del pianeta, la situazione resta complicata.

CONSUMO DI SUOLO
Tra il 2016 e il 2017 l’asticella siciliana non si sposta di una virgola. Il consumo di suolo resta fissato al 7,2%, superiore di un punto percentuale al dato del mezzogiorno (6,2%) anche se inferiore di un’inezia al dato medio nazionale (7,7%). Non tutta l’Isola è comunque nella stessa situazione: il record assoluto spetta a Ragusa con 15,4% (+0,1% rispetto alla rilevazione precedente), seguita da Catania (8,3%, dato invariato rispetto al 2016 anche se comunque superiore alla media nazionale), e quindi da Trapani (8% invariato e +0,3% rispetto alla media nazionale). Tutte le altre si collocano al di sotto del livello medio delle province italiane e in perfetta continuità col passato.

LA TENDENZA GENERALE E IL MODELLO NISSENO
Tra il 2012 e il 2017, spiegano dall’Istat, il fenomeno ha avuto un andamento crescente in tutte le province, un dato che si comprende tra il +0,2% di Biella e il +3,1% di Viterbo. Tra le migliori, cioè quelle che hanno impermeabilizzato meno del 6% della propria superficie, si rintraccia anche Caltanissetta. Differente la situazione nelle città metropolitane dove risulta maggiore l’effetto dell’urbanizzazione: in prima linea ci sono Napoli e Milano che presentano estese superfici artificiali, che coprono tra i 400 e i 500 kmq di territorio con valori rispettivamente del 34% e del 32%. Tra le metropolitane si segnala Palermo che si limita a un 5,9% che risulta essere uno dei migliori risultati per questa categoria.

RINNOVABILI
A fronte di una media italiana di quota di consumi interni coperti da rinnovabili pari al 31,1%, la Sicilia si ferma al 25,1%, nel 2017. Il dato isolano è in contrazione rispetto al 2016 (26,2%) anche se risulta essere, a parte lo scorso anno, il migliore dell’ultimo quinquennio. Per la media nazionale, invece, si tratta del peggior dato registrato dal 2013 al 2017. A prendersi la segnalazione dell’Istat, c’è stata la provincia di Caltanissetta che in “cinque anni ha aumentato del 127% la propria quota”. Nel 2017 la “produzione ha superato ampiamente i fabbisogni interni (cioè è superiore al 150%) in 7 province italiane: Sondrio (415,5%), prima assoluta in Italia, Crotone (290), Aosta (243), Verbano-Cusio-Ossola (234), Foggia (221), Bolzano (169), Grosseto (151)”. Per l’Isola bene anche Enna (98,7%), Agrigento (61,8%) e Trapani (65,3%)”.

“Pur essendo il territorio italiano uno dei più virtuosi nel contesto europeo per quanto riguarda la produzione e l’utilizzo di energia alternativa sostenibile – si legge sul report dell’Istat –, circa la metà delle province italiane resta ancora su livelli inferiori al 27%, valore-target definito nell’ambito del ‘quadro per il clima e l’energia 2030’ adottato nell’ottobre 2014 dall’Unione europea. Tra queste, le aree produttive del Nord sono quelle ancora più lontane dall’obiettivo”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684