Adrano, armi detenute illegalmente: una denuncia - QdS

Adrano, armi detenute illegalmente: una denuncia

webms

Adrano, armi detenute illegalmente: una denuncia

webms |
giovedì 19 Maggio 2022 - 13:02

La famiglia dell'uomo, un 58enne di Adrano (CT), aveva attirato i sospetti degli agenti. Il ritrovamento delle armi illegalmente detenute è avvenuto in seguito a diversi controlli.

Lo scorso 16 maggio, gli agenti del commissariato di Pubblica Sicurezza di Catania, assieme agli operatori del Reparto Prevenzione Crimine, hanno denunciato un uomo di 58enne per possesso illegale di arma e omessa ripetizione di denuncia di detenzioni di armi ad Adrano.

L’operazione si è conclusa nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio disposto dalla Questura di Catania.

Controlli ad Adrano sulle armi detenute illegalmente

A seguito di un’attenta attività info-investigativa, gli agenti avevano motivo di credere che un nucleo familiare residente ad Adrano potesse detenere illegalmente armi da fuoco. Si tratta di una famiglia con diverse proprietà immobiliari, tra terreni, edifici e capannoni industriali.

Essendo in corso un controllo straordinario del territorio, sono state disposte accurate perquisizioni nelle proprietà con la collaborazione del personale del Reparto di Prevenzione Crimine. Diversi gli accertamenti per individuare i luoghi dove armi o sostanze illegali potessero essere nascoste.

L’esito delle perquisizioni

In seguito alle numerose e meticolose perquisizioni effettuate, gli agenti hanno trovato una pistola semiautomatica in perfetto stato, non censita in alcuna banca dati o archivio e pertanto illegalmente detenuta. In più, c’era anche un fucile appartenente a un familiare defunto. Dopo la morte del precedente detentore era stata omessa la prevista denuncia dell’arma.

Oltre alle menzionate armi, nel corso di una perquisizione, le forze dell’ordine hanno scoperto della marijuana in modesta quantità nell’abitazione di uno dei figli dell’indagato. Il detentore è stato segnalato alla Prefettura come assuntore.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684