Dipendenti di Sal e Ata senza stipendi - QdS

Dipendenti di Sal e Ata senza stipendi

Irene Milisenda

Dipendenti di Sal e Ata senza stipendi

sabato 16 Novembre 2019 - 00:00
Dipendenti di Sal e Ata senza stipendi

Fumata nera dopo l’incontro dei giorni scorsi con i titolari delle imprese e il prefetto Caputo. Continua la protesta del personale delle due aziende: stipendi indietro di quattro mesi

AGRIGENTO – Dopo aver fermato per ben 13 giorni gli autobus che collegano la Città dei Templi agli aeroporti di Palermo e Comiso, sospendendo anche le corse per Palma di Montechiaro, Licata, Gela, Grotte e Racalmuto, tutte località servite dagli autobus di Sal e Ata, sono ritornati a protestare i 35 dipendenti, che rivendicano il pagamento degli stipendi arretrati (a oggi si tratta di quattro mensilità).

“Nessun impegno – ha detto Andrea Gelo, dipendente e sindacalista Usb – è stato rispettato né da parte dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Marco Falcone, che aveva comunicato che i soldi dovevano arrivare entro dieci giorni, né da parte dell’azienda”.

“Da sette anni – ha aggiunto – viviamo in una situazione di disagio perché gli stipendi sono sempre arrivati in ritardo, ma non si era mai arrivati fino a tanto. Per cui, visto che ci sono le parole ma non i fatti, noi continueremo il nostro sciopero a oltranza fino a quando non ci pagheranno quello che ci spetta”.

Nei giorni scorsi, una delegazione dei dipendenti, i titolari delle due aziende e il prefetto di Agrigento, Dario Caputo, si sono incontrati nell’ufficio territoriale del Governo per un tentativo di conciliazione fra le parti, ma gli imprenditori avrebbero palesato l’impossibilità di pagare gli stipendi a causa dei mancati trasferimenti dalla Regione. Da ciò è scaturito la decisione da parte di autisti, meccanici e lavaggisti di riprendere lo sciopero.

Presi dalla disperazione tre lavoratori hanno anche rassegnato le dimissioni. “Non ci pagano da mesi – ha detto uno degli ex autisti – ma ho una famiglia da mantenere e certamente non posso starmene con le mani in mano. Andrò via, magari al Nord, come hanno fatto molti, per cercare un posto di lavoro”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684