Coronavirus, ad Agrigento stop all’assistenza riabilitativa a domicilio - QdS

Coronavirus, ad Agrigento stop all’assistenza riabilitativa a domicilio

redazione

Coronavirus, ad Agrigento stop all’assistenza riabilitativa a domicilio

mercoledì 18 Marzo 2020 - 00:00
Coronavirus, ad Agrigento stop all’assistenza riabilitativa a domicilio

L’Azienda sanitaria provinciale ha recepito le indicazioni dell’assessorato regionale alla Salute. Attestati di esenzione per reddito in scadenza a marzo prorogati fino al 30 giugno

AGRIGENTO – Nell’ambito delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus (Covid-19), l’assessorato regionale della Salute ha emanato alcune disposizioni finalizzate a limitare ulteriormente il rischio di contagio.

Per evitare l’assembramento di cittadini negli uffici – hanno spiegato dall’Azienda sanitaria provinciale – gli attestati di esenzione per reddito per condizione economica relativi alle categorie E01, E02, E03 ed E04, rilasciati a seguito di autocertificazione e validi fino al 31 marzo 2020, sono prorogati sino al prossimo 30 giugno 2020, limitatamente agli assistiti per i quali permangono le condizioni di status e reddito certificate”.

“L’assistito – hanno aggiunto dall’Asp – qualora si siano modificate le condizioni reddituali o di stato civile comportanti la perdita del diritto, ha l’obbligo di non avvalersi dell’esenzione al fine di non incorrere in sanzioni”.

Inoltre, al fine di contrastare il contagio da Covid-19, l’assessorato ha disposto che, per l’assistenza riabilitativa (ex art.26 L. 833/78), l’erogazione delle prestazioni domiciliari, semiresidenziali e ambulatoriali sia temporaneamente sospesa. Sospese anche le visite domiciliari nell’ambito della specialistica ambulatoriale, salvo prestazioni ritenute indifferibili, concordate con lo specialista e previa valutazione del rischio di contagio Covid-19 presso il nucleo familiare dell’assistito. Per ciò che riguarda l’assistenza domiciliare integrata (Adi) viene data facoltà ai servizi competenti delle Asp, ove necessario, di rivalutare e rimodulare gli interventi previsti nei piani assistenziali individuali, limitandone l’erogazione a quelli ritenuti improcrastinabili. Sospese infine anche le prestazioni ambulatoriali di fisiokinesiterapia.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684