Agrigento, tredici milioni di euro dalle sanatorie edilizie - QdS

Agrigento, tredici milioni di euro dalle sanatorie edilizie

redazione

Agrigento, tredici milioni di euro dalle sanatorie edilizie

sabato 03 Aprile 2021 - 00:00

L’Amministrazione comunale ha avviato il progetto per la definizione di oltre seimila pratiche che attualmente risultano inevase. Fondamentale anche il coinvolgimento dei privati

AGRIGENTO – Dopo due mesi e mezzo di confronto, la verifica delle documentazioni e la conseguente ricucitura dello strappo tra i dipendenti comunali e il Comune, che ha determinato un rallentamento delle pratiche, con il progetto sanatorie 2019, prende il via la programmazione della definizione di oltre seimila pratiche di sanatorie edilizie attualmente inevase, con una previsione di introito di circa 13 milioni di euro nelle casse comunali.

Come sottolineato dal Comune, a seguito della delibera di Giunta n. 36 del 12 marzo, presentata ufficialmente nei giorni scorsi dall’assessore Gerlando Principato, è stata approvata l’iniziativa finalizzata al potenziamento dell’attività istruttoria connessa al rilascio dei titoli edilizi in sanatoria con riferimento alle istanze presentate ai sensi delle leggi 47/1985, 724/1994 e 326/2003 (anni 2021/2025).

La delibera, oltre a definire le pendenze pregresse con il personale interno, coinvolge anche i professionisti esterni iscritti ai vari albi (ingegneri, architetti, geometri e agronomi) che dovranno inviare la loro manifestazione di interesse entro il 15 aprile prossimo, secondo il modulo allegato alla richiamata delibera di Giunta, all’indirizzo email gerlando.cozzo@comune.agrigento.it

L’iniziativa promossa dal Comune rientra tra gli impegni presi in campagna elettorale, tra cui figurava anche l’impegno con i “cervelli agrigentini” per creare ulteriori opportunità di lavoro e sviluppo in città.

“Grazie alla regolarizzazione delle abitazioni – hanno evidenziato dal Comune – il privato può accedere al super bonus 110% per l’efficientamento energetico degli edifici, migliorando la propria abitazione e garantendo una minore emissione di Co2 in atmosfera, porterà giovamento alla qualità dell’abitare della città”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684