Ambiente, una scena del crimine contro l'abbandono dei mozziconi - QdS

Ambiente, una scena del crimine contro l’abbandono dei mozziconi

Web-mp

Ambiente, una scena del crimine contro l’abbandono dei mozziconi

Web-mp |
sabato 29 Maggio 2021 - 19:59

Per la campagna Marevivo-Bat, coinvolta anche la città di Catania

Una scena del crimine con un poliziotto della scientifica che indaga, animali marini come vittime e un mozzicone di sigaretta gigante come arma del delitto. È questa l’istallazione al centro del progetto “Piccoli gesti, grandi crimini”, realizzato da Marevivo in collaborazione con British American Tobacco (Bat) Italia e con il patrocinio del ministero della Transizione ecologica e dell’Anci.

È un “piccolo gesto”, quello di buttare a terra un mozzicone, che causa un grave danno ambientale.

Ogni anno sono 4.500 miliardi i mozziconi che finiscono nell’ambiente (il 65%), solo in Italia 14 miliardi. Impiegheranno almeno 10 anni a degradarsi.

Quest’estate, il progetto per sensibilizzare sull’abbandono dei mozziconi e per raccogliere dati utili alla prevenzione del fenomeno, coinvolgerà le città di Fermo, Catania e Bari, dove saranno distribuiti oltre 15.000 posacenere tascabili e riutilizzabili, in plastica riciclata.

“Piccoli gesti, grandi crimini” chiama inoltre a raccolta tutti i cittadini e i Comuni che potranno partecipare alla campagna attraverso l’adozione e la promozione di comportamenti virtuosi.

“I mozziconi dispersi nell’ambiente rappresentano un grande problema dal punto di vista dell’inquinamento marino. Sono i rifiuti più frequenti sulle spiagge” ha dichiarato la responsabile Relazioni Istituzionali di Marevivo che invita a non rendersi “complici di un crimine contro l’ambiente”.

“Con il progetto-pilota di Sorrento dello scorso anno abbiamo ridotto l’abbandono dei mozziconi nell’ambiente del 69%”, sottolinea la presidente e amministratore delegato di Bat Italia e area director Sud Europa, Roberta Palazzetti.

“Sensibilizzare i fumatori affinché smaltiscano in modo corretto i prodotti del tabacco è per noi una priorità. Pertanto – aggiunge Palazzetti – con largo anticipo rispetto alle previsioni della direttiva Single Use Plastics ci siamo mossi in questa direzione”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684