Appello per l’Assemblea territoriale idrica: “Dare certezza e una governance stabile” - QdS

Appello per l’Assemblea territoriale idrica: “Dare certezza e una governance stabile”

redazione

Appello per l’Assemblea territoriale idrica: “Dare certezza e una governance stabile”

martedì 30 Aprile 2019 - 02:00

L’obiettivo è assicurare ai cittadini un servizio degno di questo nome, contenendone i costi. Il sindaco di Ribera, Pace, ha scritto al presidente dell’Ati per sollecitare decisioni urgenti

AGRIGENTO – La difficile gestione del servizio idrico continua a tenere banco in tutto il territorio agrigentino. Nei giorni scorsi, a seguito delle dimissioni dal Consiglio direttivo dell’Ati (Assemblea territoriale idrica) del sindaco di Favara Anna Alba, il primo cittadino di Ribera Carmelo Pace ha chiesto al presidente dell’Ati, nonché sindaco di Sciacca, Francesca Valenti, la convocazione immediata dell’Assemblea.

Tale decisione, come evidenziato dal Comune di Ribera, è scaturita dal fatto che il primo cittadino Pace condivide in pieno le motivazioni della collega di Favare, la quale ha lamentato l’immobilismo dell’organo che si occupa del servizio idrico integrato in provincia di Agrigento. In particolare, si vuole sollecitare l’Ati ad assumere decisioni importanti e improcrastinabili.

“La vicenda dell’Ati – ha detto il sindaco di Ribera – è complessa e come tale va affrontata con immediatezza. Spero che questo gesto possa dare il giusto impulso ai sindaci, al fine di rappresentare l’interesse di tutti i cittadini”.

“Non possiamo perdere altro tempo prezioso – ha aggiunto – bisogna dare certezze e una governance stabile per la gestione del servizio idrico integrato a tutti i 43 comuni della provincia. I nostri cittadini hanno bisogno di risposte certe e inequivocabili che devono andare nella direzione di un servizio efficiente, ma soprattutto sussiste la necessità di mirare al risparmio delle bollette dell’acqua che continuano a essere troppe care”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684