Assicurazione e-bike, ecco cosa copre - QdS

Assicurazione e-bike, ecco cosa copre

Marco Carlino

Assicurazione e-bike, ecco cosa copre

sabato 30 Maggio 2020 - 00:01
Assicurazione e-bike, ecco cosa copre

Il bonus di 500 euro per la mobilità ha trasformato le biciclette in un nuovo oggetto del desiderio. L’Rc privati copre il sinistro provocato e il furto all’interno del proprio giardino o garage

ROMA- L’emergenza Covid-19 ha trasformato di nuovo la bici nell’oggetto del desiderio degli italiani e con il bonus mobilità inserito nel Decreto Rilancio, è esplosa la corsa all’acquisto di biciclette. In questo quadro SosTariffe ha fornito ai consumatori una piccola guida in tema di assicurazione dei velocipedi elettrici.

Il cosiddetto bonus bici, ricordiamo, permette di ricevere un contributo pari al 60% della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a 500 euro, per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (ad esempio monopattini, hoverboard e segway) o per l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture.

La prima domanda che sorge spontanea, però, è se per questo tipo di mezzi sia necessario stipulare o meno una polizza assicurativa. La risposta è: dipende. Esistono, infatti, due tipi di soluzioni e di formule: l’Rc privati e l’Rc moto. Inoltre, dato che le bici a pedalata assistita possono raggiungere diverse velocità è legittimo chiedersi anche se sia considerato un mezzo comparabile al motorino.

Assicurare una bicicletta significa, non solo tutelarsi in caso di incidenti, ma anche mettere a riparo il mezzo da brutte situazioni. Se si possiede una bici di valore e la si lascia in sosta in un’area pubblica, è sempre consigliato mantenere come prima cosa il contatto visivo. Ovviamente non sempre è possibile farlo e i furti bici si verificano sia nelle abitazioni private che in strada. Sottoscrivere una polizza bici, quindi, è la soluzione per essere più sicuri a prescindere dagli obblighi imposti.

Come spiega SosTariffe, una bicicletta con pedalata assistita e un motore che genera fino a 500 watt può raggiungere solo 25 km/h. Le biciclette a pedalata assistita sono equiparate a velocipedi e la loro circolazione è disciplinata dagli artt. 50, 68 e 182 del Codice della Strada. La assicurazione bici elettrica (o il bollo), in questo caso, non è obbligatorio ma è sufficiente avere un Rc privati.

Questa soluzione di copertura assicurativa viene compresa nella polizza casa o famiglia. Gli eventi previsti in questa copertura vanno dal sinistro provocato mentre si va in giro con la propria e-bike lenta (cioè che non possa superare i 25 km/h di velocità). In caso di furto della bici, mentre si trova all’interno del giardino o del garage della propria abitazione, questa verrebbe considerata come facente parte del mobilio.

Il discorso, invece, cambia per le biciclette con un motore fino a 1000 watt. In questo caso quando si viaggia con il contributo della pedalata automatica il mezzo può raggiungere anche i 45 km/h. Quindi se l’utente opterà per questo tipo di modelli, dovrà assicurare la bicicletta con la formula responsabilità civile moto. ll Codice della Strada inserisce, infatti, le bici elettriche nella categoria L1eB come i ciclomotori. Le bici elettriche a funzionamento autonomo devono essere quindi guidate indossando il casco e necessitano di assicurazione RC moto, targa, patentino, documenti, specchietto retrovisore e fari di posizione.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684