Avviata l’esperienza del frigo solidale per dare un aiuto a chi ne ha bisogno - QdS

Avviata l’esperienza del frigo solidale per dare un aiuto a chi ne ha bisogno

Annalisa Giunta

Avviata l’esperienza del frigo solidale per dare un aiuto a chi ne ha bisogno

giovedì 09 Maggio 2019 - 00:05
Avviata l’esperienza del frigo solidale per dare un aiuto a chi ne ha bisogno

Iniziativa promossa dalla cooperativa sociale Etnos e ospitata all’interno della Botteca Equamente. Favorire la consegna di cibo da chi ne ha in eccedenza a chi desidera usufruirne

CALTANISSETTA – “Ricco non è colui che possiede ma colui che da, colui che è capace di dare” affermava Karol Wojtyla. E questo è il pensiero che ispira l’iniziativa del “Frigo solidale”, promossa dalla cooperativa sociale Etnos, che si è resa disponibile ad accoglierla nella sede della Bottega Equamente di via Michele Amari 3, con l’intento di dare una mano d’aiuto alle persone più bisognose della città. “Dona il giusto prendi il necessario”, lo slogan dell’iniziativa.

Un’idea non nuova e già sperimentata in altre nazioni e città del Paese: un frigo che ha lo scopo di favorire la consegna di cibo da parte di chi ne ha in eccedenza a beneficio di chi desidera prenderlo. Tutti accedono allo stesso strumento, garantendo la massima serietà e il rispetto della privacy.

“È un’esperienza – ha detto Fabio Ruvolo, presidente della cooperativa Etnos – che abbiamo voluto proporre a Caltanissetta con l’idea di rappresentare un piccolo simbolo d’amore. L’intento è che la città possa contribuire a rendere più dignitosa la vita di quelle persone che vivono in una condizione di povertà. Un’idea che sta portando già dei risultati. Certo, non è la soluzione al problema della povertà presente anche nella nostra città, ma un piccolo gesto che assieme ad altri può dare sollievo a chi soffre”.

Il cibo messo a disposizione rispetta le normative vigenti sulla salute e sull’igiene. Chi preleva il cibo deve farlo esclusivamente se si ritiene di doverlo utilizzare personalmente o donandolo ad altre persone, ma non occorre segnalare in alcun modo e in nessun documento il fatto che si prelevi del cibo dal frigorifero.

Posso essere donati prodotti deperibili confezionati (yogurt, formaggi, latte a breve conservazione, salumi), frutta e verdura. Per ragioni di sicurezza alimentare non è possibile donare carne o pesce crudi, uova senza confezionamento di certificazione, prodotti confezionati oltre la data di scadenza, prodotti alcolici (compresi vino e birra), prodotti che non si conservano in frigorifero (ad esempio il pane, la pasta, gli omogeneizzati per bambini).

Il frigo è disponibile il lunedì dalle ore 16,30 alle ore 20,30 e dal martedì al sabato dalle ore 9 alle ore 20.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684