Avviso 22 con indennità bloccate, linee guida per accelerare - QdS

Avviso 22 con indennità bloccate, linee guida per accelerare

web-dr

Avviso 22 con indennità bloccate, linee guida per accelerare

web-dr |
giovedì 05 Agosto 2021 - 11:07

In molti casi arrivano pratiche incomplete o errate alla Regione che quindi non può liquidare le somme. Direttive ai centri per l’impiego per la verifica a monte della documentazione dei tirocinanti.

L’avviso 22 in Sicilia ancora in alto mare: molti dei 6 mila tirocinanti, che hanno svolto la propria attività tra il 2019 e il 2020, stanno ancora aspettando il dovuto, dopo diverse rassicurazioni, da parte dell’assessorato regionale al Lavoro.

Neanche dopo i chiarimenti del Servizio XII, il centro per l’impiego di Palermo, si è riusciti a sciogliere il bandolo della matassa. In una nota aveva dato delle indicazioni a tutti i centri per l’impiego della Sicilia riguardo ai controlli da effettuare sui tirocini in corso di svolgimento o già ultimati: “Nella considerazione che si sono palesate delle criticità nel pagamento delle indennità dei tirocinanti, appare opportuno emanare una disposizione che regolamenti i controlli che i Cpi devono effettuare sui tirocini in corso di svolgimento o che sono già stati ultimati – si legge – prima che vengano trasmesse le check-list ai Servizi III e IV del dipartimento Lavoro, affinchè questi ultimi possano effettuare i pagamenti tempestivamente”.

In poche parole si è voluto evidenziare che i controlli a monte nelle varie pratiche nei fatti non sono mai avvenuti e che quindi al dipartimento regionale finisce per arrivare documentazione difforme e non ricevibile.

Per il tirocinante occorre verificare, avvalendosi del portale Silav e del sistema informativo comunicazioni obbligatorie, che sia in possesso della ‘Dichiarazione di Immediata disponibilità’ (Did) e del patto di servizio.

Ancora, bisogna controllare che il tirocinante non abbia avuto un rapporto di lavoro, una collaborazione o un incarico con il medesimo soggetto ospitante negli ultimi due anni precedenti all’attivazione del tirocinio.

Per il soggetto ospitante bisogna verificare che sia in regola con la normativa sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, che non abbia procedure di Cig straordinarie o in deroga in corso, per attività equivalenti a quelle del tirocinio, nella medesima unità operativa, salvo il caso in cui ci siano accordi con le organizzazioni sindacali che prevedono tale possibilità.

Ancora, non deve aver proceduto a licenziamenti, salvo i casi di licenziamenti per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo, e fatti salvi specifici accordi sindacali, per attività equivalenti nella medesima unita operativa e nei 12 mesi precedenti.

I Cpi dovranno a loro volta anche verificare che lo stesso soggetto non sia promotore e soggetto ospitante allo stesso tempo in relazione ad uno stesso tirocinio. Inoltre, il soggetto ospitante non può realizzare più di un tirocinio con il medesimo tirocinante, tranne proroghe o rinnovi nel rispetto della durata massima del tirocinio di 6 mesi (12 mesi per i disabili).

Presso ciascuna unità operativa può essere attivato contemporaneamente  un numero massimo di tirocini, in proporzione al numero di dipendenti: un tirocinio fino a cinque dipendenti, 2 se i dipendenti vanno da 6 a 20; sopra i 20 dipendenti si potrà calcolare una percentuale del 10%.

Saranno effettuate verifiche anche sul progetto formativo e le modalità di svolgimento del tirocinio, che devono corrispondere a quanto caricato sul sistema informatico Ciapi web sotto la denominazione “Pianificazione settimanale”.

Indicazioni che però non sono bastate per arrivare a dare una svolta ai pagamenti dovuti ai tirocinanti: “Nella storia infinita dei pagamenti dei tirocinanti dell’Avviso 22 – afferma Oreste Lauria, portavoce dei tirocinanti dell’avviso 22 – siamo giunti, senza ottenere risultati, al fatidico mese di agosto, mese nel quale, come se non fossero già biblici i tempi della Regione Sicilia, i dipendenti regionali si apprestano ad affrontare le ‘meritate ferie’, ergo per cui, le migliaia di tirocinanti ancora in attesa di ricevere compensi per i tirocini già ampiamente terminati, dovranno armarsi di ulteriore pazienza ed attendere, nell’ipotesi più rosea, il mese di settembre per avere notizie su nuove liste di pagamento.

Insomma non si riesce a cavare un ragno dal buco ed a farne le spese sono sempre i tirocinanti che ad oggi non conoscono minimamente le tempistiche di sviluppo delle pratiche di pagamento che li riguardano Siamo davvero stanchi ed esausti di questa situazione e pretendiamo di avere risposte concrete dalla Regione Siciliana. Vogliamo quello che ci spetta di diritto e vogliamo politiche attive del lavoro concrete e di sviluppo”.

Michele Giuliano

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001