Bagheria, i soldi delle multe utilizzati per migliorare la sicurezza stradale - QdS

Bagheria, i soldi delle multe utilizzati per migliorare la sicurezza stradale

redazione

Bagheria, i soldi delle multe utilizzati per migliorare la sicurezza stradale

martedì 26 Aprile 2022 - 09:41

Così come prevede la legge, gli introiti da sanzioni per violazioni al Codice della strada sono stati impiegati per rinnovare la segnaletica cittadina e sistemare i mezzi della Polizia municipale

Gli incassi delle multe elevate dalla Polizia municipale utilizzati per offrire alla comunità servizi sempre migliori. Prima con la sistemazione di due moto utilizzate dai vigili urbani, poi con il ripristino della segnaletica orizzontale in alcune zone del paese.

“Le entrate che derivano dalle sanzioni al Codice della circolazione – ha spiegato il sindaco di Bagheria Filippo Maria Tripoli – servono anche a implementare i controlli sul territorio e dunque per la sicurezza dei cittadini”.

“Sono state rese nuovamente operative – ha spiegato il comandante della Polizia municipale, Maurizio Parisi – due moto Malaguti 160 e stiamo verificando la possibilità di sistemare altri due motoveicoli. Metteremo poi al servizio della collettività anche quattro bici elettriche”.

Il 50% dei proventi derivanti dalle sanzioni per il Codice della strada deve essere destinato per legge a interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà dell’ente; in misura non inferiore a un quarto della quota al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature dei Corpi e dei servizi di Polizia provinciale e di Polizia municipale; il restante ad altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, alla manutenzione delle strade di proprietà dell’Ente, incluse installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione delle barriere e sistemazione del manto stradale delle medesime strade, a interventi per la sicurezza stradale a tutela degli utenti deboli quali bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti; allo svolgimento, da parte degli organi di Polizia locale, nelle scuole di ogni ordine e grado, di corsi didattici finalizzati all’educazione stradale, a misure di assistenza e di previdenza per il personale e ad interventi a favore della mobilità ciclistica.

E così si è provveduto anche al rifacimento delle strisce pedonali. In particolare è stata rifatta la segnaletica orizzontale in prossimità degli attraversamenti vicini alle scuole, fondamentale sia per garantire la sicurezza a tutti gli studenti, che per regolamentare il rispetto delle norme della circolazione. “Le strisce – ha sottolineato Maurizio Parisi – sono state rifatte nei pressi dell’asilo di via Libertà, di via Consolare davanti alla scuola media e in corso Butera davanti alle scuole Bagnera”.

“È bene sapere che gli introiti delle multe – ha aggiunto il comandante dei vigili urbani – non sono qualcosa che riguarda soltanto i funzionari della Pubblica amministrazione, e solamente in maniera marginale i consumatori. In realtà a essere interessati sono soprattutto i cittadini, poiché gli Enti locali devono dimostrare come vengono impiegate le somme di denaro raccolte”.

“I proventi delle multe da infrazioni al Codice della strada – ha concluso – che ovviamente riguardano comportamenti che mettono a repentaglio la sicurezza stessa della comunità vengono reimpiegati sulla sicurezza stessa dei cittadini e della circolazione stradale. Il rispetto delle regole e del Codice della strada è dunque indispensabile”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684