Bakayoko: il video della reazione del poliziotto quando capisce l’errore

Bakayoko perquisito dalla Polizia, poi l’agente si accorge dell’errore – Video

web-mp

Bakayoko perquisito dalla Polizia, poi l’agente si accorge dell’errore – Video

web-mp |
lunedì 18 Luglio 2022 - 13:33

Il calciatore è stato immobilizzato dalle forze dell’ordine. Dopo essersi accorti dello scambio di persona sono arrivate le le scuse

Esperienza che difficilmente potrà dimenticare il centrocampista del Milan Tiémoué Bakayoko. Il calciatore rossonero dopo essere stato fermato a un posto di blocco dalla Polizia a Milano, viene costretto a scendere dalla macchina con pistole puntate e poi perquisito.

Lo scambio di persone, l’errore commesso dalla Polizia

Dopo qualche momento, però, gli agenti in servizio capiscono evidentemente di aver commesso un errore e accertato lo scambio di persona si scusano con il giocatore e lo lasciano andare. Il tutto è stato ripreso in un video apparso in rete e risalente allo scorso 3 luglio.

I momenti della perquisizione al giocatore del Milan ripresi in un video

Il fatto, ripreso da alcuni automobilisti presenti e fermi in coda proprio per il posto di blocco della Polizia, ha suscitato molti commenti e polemiche sul web. Nel mirino l’operato degli agenti, accusati anche di “razzismo”, o al contrario, di “mollare tutto” appena scoperto che il perquisito era un calciatore. “Sono commenti fuori luogo – hanno così spiegato in Questura a Milano – il controllo è scattato perché Bakayoko e l’altro passeggero corrispondevano perfettamente, per un caso, alle descrizioni di due uomini ricercati e ovviamente la perquisizione è terminata quando ci si è resi conto di aver fermato una persona che non c’entrava”.

La replica della Polizia ai fatti

Secondo quanto precisato dalla Polizia di Stato, infatti, la notte precedente c’erano state risse, anche con colpi d’arma da fuoco tra stranieri, e si cercava un suv scuro con a bordo due uomini, uno dei due di colore con una maglietta verde. Corrispondendo all’alert, alle 6 del mattino successivo dello scorso 3 luglio, le Volanti hanno effettuato il controllo e trattandosi di una segnalazione che faceva seguito a un episodio con possibili armi da fuoco, gli agenti hanno operato con le pistole in pugno. La Questura di Milano avrebbe già chiarito la faccenda anche con il Milan.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001