Banca Progetto e Fidimed, finanziamenti rapidi alle aziende - QdS

Banca Progetto e Fidimed, finanziamenti rapidi alle aziende

Raffaella Pessina

Banca Progetto e Fidimed, finanziamenti rapidi alle aziende

martedì 30 Giugno 2020 - 17:38
Banca Progetto e Fidimed,  finanziamenti rapidi alle aziende

Fino a trecentomila euro. Ampliato il Progetto Easy, che ha permesso a cento imprenditori siciliani di ottenere prestiti in dieci giorni. L’assessore regionale all’Economia, Armao: “Dopo la crisi pandemica il credito alle imprese assume un ruolo ancora più rilevante”

Il vicepresidente della Regione e assessore all’Economia, Gaetano Armao ha annunciato l’imminente presentazione del Def (Documento di economia e finanza) della Regione e ha sottolineato che il credito alle imprese, dopo la crisi pandemica, assume per la Regione, un ruolo ancora più rilevante.

“Le misure che abbiamo adottato sia con Irfis-FinSicilia che con la legge di Stabilità regionale – ha detto Armao – riequilibrano quelle adottate a livello statale che, purtroppo, non tengono conto delle specifiche difficoltà del Sud e della Sicilia e funzionano poco: dei pochi soggetti che avevano i requisiti per presentare domanda, nel 50% dei casi non l’hanno avuto asseverata”.

In Sicilia grazie al “Progetto Easy”, di Banca Progetto, la banca digitale specializzata in servizi per le piccole e medie imprese italiane e per la clientela privata, ben cento imprenditori siciliani hanno potuto ricevere liquidità in soli dieci giorni. “L’iniziativa è un segno positivo che giunge in una fase nella quale insieme al sistema bancario siciliano dobbiamo lavorare per la ricostruzione – ha proseguito Armao – abbiamo costituito un ‘Fondo di fondi’ dotato di 50 milioni nostri e 50 milioni della Bei, che sta selezionando il soggetto gestore, per concedere garanzie al 100% sui prestiti non solo fino a 25mila euro, ma anche fino a 800mila euro, a quei soggetti privi di merito creditizio, che vanno comunque aiutati a non chiudere. E con Cassa depositi e prestiti – che aprirà a Palermo in sinergia con Irfis-FinSicilia e grazie alla quale stringeremo un accordo anche con il Credito sportivo – accenderemo un mutuo fino a 400 milioni per erogare anticipazioni a coloro che fino al 31 dicembre 2019 non hanno riscosso i loro crediti vantati nei confronti della Regione siciliana”.

Per Alessandro Albanese, vicepresidente vicario di Sicindustria. “la liquidità è la madre di tutti i problemi delle imprese, assieme alle complicazioni burocratiche. E, oggi come mai, le aziende hanno bisogno di soluzioni agili per il credito. Ben venga, dunque, il programma di Fidimed e Banca Progetto. E, più in generale, ogni forma di collaborazione tra attori del mondo produttivo non può che portare nuovo sviluppo e nuovi orizzonti di crescita”.

Il successo dell’iniziativa spinge ora Banca Progetto a raddoppiare il proprio impegno, aumentando il limite di “Progetto Easy” fino a 300mila euro ad azienda ed estendendo l’ambito di operatività a tutto il Paese, attraverso la rete di partner selezionati da Banca Progetto e Fidimed cui tutte le imprese italiane potranno rivolgersi.

“Banca Progetto – ha spiegato l’ad Paolo Fiorentino, oggi in conferenza stampa a Palermo – punta a erogare quest’anno fino a 1 mld di euro in Italia, e per farlo intende privilegiare il rapporto con gli intermediari finanziari locali. La positiva esperienza siciliana ci insegna che quello nato dalla sinergia con Fidimed è un modello vincente”.

“Fidimed – ha aggiunto l’ad, Fabio Montesano – ha saputo vincere la sfida lanciata insieme a Banca Progetto e ha fatto della rapidità un proprio marchio di fabbrica. Abbiamo erogato oltre 10 mln di euro in tre mesi di lockdown (30% al settore commercio, 30% al settore industria e 40% al settore servizi), di cui il 12% per investimenti e l’88% per fornitori e circolante, e con il nuovo prodotto “EasyPlus” contiamo di chiudere l’anno erogando in Sicilia fino a 80 milioni, oltre ai finanziamenti che potremo assistere nel resto d’Italia. La fiducia che ci ha concesso Banca Progetto, mettendoci a disposizione un budget ambizioso, ci ha permesso di dimostrare, in pochi mesi, che gli interventi a favore dei consorzi fidi vigilati da Bankitalia possono davvero moltiplicare in questa emergenza gli effetti positivi della liquidità sulle imprese, sui loro investimenti e sulla ripresa dell’economia”.
R.P.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684