Caltagirone, riqualificazione baglio di Santo Pietro - QdS

Caltagirone, riqualificazione baglio di Santo Pietro

redazione

Caltagirone, riqualificazione baglio di Santo Pietro

giovedì 15 Ottobre 2020 - 00:02
Caltagirone, riqualificazione baglio di Santo Pietro

Per partecipare alla gara domande entro il 30 novembre. L’asta pubblica per l’affidamento in locazione poliennale del complesso si terrà alle 10 di martedì 1 dicembre

CALTAGIRONE – Il Comune di Caltagirone ha emesso il bando per la selezione di un progetto di riqualificazione del Baglio di Santo Pietro, da attuare per l’insediamento di attività, anche economiche, finalizzate alla valorizzazione e al potenziamento dei servizi connessi alla fruizione del borgo di Santo Pietro. I concorrenti che intendono partecipare alla gara devono proporre la propria offerta entro le 12 di lunedì 30 novembre.

L’asta pubblica per l’affidamento in locazione poliennale del complesso si terrà alle 10 di martedì 1 dicembre, negli uffici del dirigente dell’Area III, architetto Nello Ricupero, nell’ex Educandato San Luigi. A dare il “la” all’iniziativa è stata una delibera approvata dalla Giunta municipale.

“L’Amministrazione comunale di Caltagirone – si sottolineava nel provvedimento – ha deciso di puntare sulla riqualificazione del borgo di Santo Pietro, frazione di Caltagirone, avvalendosi della collaborazione di soggetti terzi in possesso di comprovata esperienza e capacità tecnica e dei requisiti di legge, con cui stipulare, attraverso procedure di evidenza pubblica, appositi contratti di affidamento con l’obiettivo di avviare processi virtuosi di miglioramento della frazione di Santo Pietro, del suo borgo e del bosco circostante. Il Comune privilegia le attività di promozione culturale, sociale, agricola, turistica e sportiva che comportino la conservazione e valorizzazione degli esistenti spazi a verde, concedendovi l’insediamento di attività che abbiano finalità di rilancio turistico e valorizzazione del bosco, dell’agricoltura e delle produzioni agroalimentari del territorio. Tra gli immobili di cui l’Ente è proprietario figura il complesso immobiliare denominato Baglio, in Largo Panzini, nella frazione Santo Pietro, costituito da fabbricati rurali, con annessa corte, e terreni, recentemente tornati nella disponibilità del Comune.

“Per assicurare e garantire la riqualificazione, tenuta e manutenzione di questo complesso – si evidenziava ancora nella delibera – sono necessari interventi di ristrutturazione, sistemazione, vigilanza e promozione che attualmente non è possibile prevedere a carico del bilancio comunale. Pertanto l’Amministrazione intende destinare permanentemente questi immobili all’insediamento di attività, anche economiche, finalizzate alla migliore valorizzazione del borgo di Santo Pietro e al potenziamento dei servizi fruibili da parte della cittadinanza”.

“Il bando in questione – afferma l’assessore al Patrimonio Antonio Montemagno, d’intesa col sindaco Gino Ioppolo – rientra fra le attività di riordino del patrimonio comunale della frazione con cui puntiamo a valorizzare, insieme ai privati, le capacità attrattive di luoghi dalle notevoli potenzialità turistiche. In questo modo intendiamo individuare il progetto che più degli altri soddisfi le esigenze di sviluppo e promozione del borgo, valorizzando un bene significativo come il Baglio di Santo Pietro”.

Il borgo e il bosco di Santo Pietro sono già interessati da altre due iniziative: l’una, concretizzatasi nell’assegnazione in locazione alla cooperativa Terra Nostra di alcune aree, in contrada Piano Chiesa (zona Sic – Sito di interesse comunitario), “da destinare – spiega ancora l’assessore Montemagno – ad attività di promozione culturale, sociale, agricola, turistica e sportiva mediante conservazione e valorizzazione degli spazi verdi”; l’altra finalizzata all’affidamento in locazione di due immobili in via degli Achei per la quale, dopo l’esito infruttuoso del primo bando, “l’Amministrazione sta compiendo le valutazioni del caso”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684