Battiati comunità energetica, la sfida del sindaco Rubino - QdS

Battiati comunità energetica, la sfida del sindaco Rubino

redazione

Battiati comunità energetica, la sfida del sindaco Rubino

Melania Tanteri  |
venerdì 25 Febbraio 2022 - 09:31

A giugno il comune etneo tornerà al voto, il primo cittadino uscente conferma la volontà di ricandidarsi per continuare il programma: “Renderemo tutti gli edifici pubblici autonomi”

Meno di cento giorni al voto e ancora tutto tace. O quasi. A Sant’Agata Li Battiati, ridente comune ai confini con Catania il rinnovo del sindaco e del Consiglio comunale, atteso per giugno, sembra notizia di poco conto: nessun candidato ufficiale al momento, tranne uno. Il sindaco uscente, Marco Rubino, come già scritto dal Quotidiano di Sicilia, ha infatti deciso di correre per la riconferma. “Un obbligo – afferma – per continuare quanto avviato”.

Si ricandida, dunque, sempre con una formazione civica che, al netto delle differenze ideologiche dei componenti, converge proprio sul suo nome. Facendosi forte di un consenso che sembra sia cresciuto negli anni. “I cittadini riconoscono la mia presenza costante sul territorio e l’opera di ascolto continua che ci permette poi di intervenire rispondendo velocemente, al netto dei lacciuoli della burocrazia, alle effettive esigenze della popolazione”.

Ribadisce il civismo della candidatura e l’apertura del progetto a tutti coloro che hanno a cuore Sant’Agata Li Battiati. “Nel rispetto delle ideologie e del pensiero di ognuno – sottolinea – ma con un solo scopo: il nostro Comune e il benessere della nostra comunità”.

Non teme, Rubino, che i litigi romani e palermitani possano influire sulla campagna elettorale, ma si rivolge ai legislatori in generale, per chiedere norme che consentano agli enti locali di lavorare. “La politica danneggia la buona amministrazione – sostiene il sindaco – quando realizza leggi che rallentano le azioni degli amministratori. I legislatori hanno il dovere di realizzare norme che permettano ai Comuni di lavorare: il problema sta qui. Noi soffriamo, ad esempio, il basso numero di dipendenti. E oggi, con questa grande opportunità rappresentata dal Pnrr, abbiamo il grande problema di non avere i tecnici, i progettisti, insomma, gli uomini che devono predisporre ogni cosa per partecipare a questi finanziamenti. Il legislatore deve comprendere questo – incalza Rubino. La politica da questo punto di vista non cambia. Siamo noi sindaci, con l’Anci, che stiamo facendo sacrifici per poter realizzare la progettazione e pensare di ottenere i fondi”.

Numerose le cose fatte

Nonostante le difficoltà, comunque, in questi cinque anni sono numerose le cose fatte: “A partire dal voto del bilancio di previsione del 2022 che la mia Giunta ha già approvato. All’interno c’è il piano triennale delle opere pubbliche che sarà votato dal Consiglio e che vale oltre 30 milioni di euro”. Molti progetti riguardano la realizzazione o la riqualificazione di strutture e impianti sportivi; altri invece un’operazione vasta di efficientamento energetico.

“La mission in questo mandato è stata quella di ristrutturare tutti gli edifici pubblici – dice -: nel prossimo sarà quella di renderli autonomi dal punto di vista energetico con l’istallazione dei pannelli fotovoltaici per risparmiare e produrre energie. Realizzeremo le comunità energetiche: tutti gli edifici pubblici, quando chiusi, immetteranno l’energia prodotta in rete. Stiamo lavorando a questo in modo concreto – conclude – per poter dare risparmio a tutti”.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001