Calendoscopio - QdS

Calendoscopio

webms

Calendoscopio

Giovanni Pizzo  |
lunedì 08 Agosto 2022 - 07:00

La politica italiana sembra non avere pace: lo "strappo" di Calenda avvia l'ennesima crisi del centrosinistra. Il commento.

Qualche giorno fa avevo scritto che Calenda aveva fatto una mossa contro la logica politica ad allearsi in una pseudo coalizione senza senso. Oggi ne fa una seconda contro la logica umana sconfessando il patto sottoscritto con Letta qualche giorno fa.

È chiara la sua inesperienza politica, ma questo si sapeva, quello che era solo parzialmente acclarata è la sua tenuta psicologica. Su quali basi prende le decisioni quest’uomo? Quante sterzare e giravolte fa questa persona? Siamo certi che gli italiani cerchino questo mal di mare? Ed i suoi poveri compagni di viaggio, Richetti, Della Vedova, che ha già un nome un po’ triste, che pensano?

Quello che sembra ancora più sprovveduto è Letta. In Sicilia c’è un detto: cu è chiù fissa carnevale o cu ci va appresso? Prima insiste per un anno e passa sui 5 Stelle, poi questi lo mollano per andare nel massimalismo, poi insegue Calenda, a quel punto per darsi un’anima almeno rossoverde insegue Bonelli e Fratoianni. Ma qui ci soccorre un altro detto siciliano: cu assicura di cunigghi uno u lassa e l’altro unnu pigghia.

Mai visto un suicidio così assurdo da parte di un’area politica. Qualunque cosa succeda mezza politica italiana si dovrà dimettere per manifesta incapacità. La lezione del Quirinale non gli è bastata, cercavano ostinatamente il cupio dissolvi.

Ora a Calenda toccherà andare con Renzi, il quale sapeva che sarebbe finita così, per fare almeno la soglia di sopravvivenza politica un capolavoro certamente che verrà ricordato. O forse no. Tutto nella politica italiana ai tempi dei tweet passa presto.

Così è se vi pare.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684