Caro energia, Sicilia in piazza: “Basta soluzioni tampone” - QdS

Caro energia, Sicilia in piazza: “Basta soluzioni tampone”

Raffaella Pessina

Caro energia, Sicilia in piazza: “Basta soluzioni tampone”

venerdì 04 Novembre 2022 - 08:31

Lunedì la mobilitazione a Palermo, raduno alle 10 in piazza Croci. Oggi Cdm ma interventi su bollette non sono all’ordine del giorno

PALERMO – La Sicilia si mobilita contro il caro energia. Le ultime bollette hanno registrato un considerevole aumento delle tariffe ed hanno spinto imprenditori, lavoratori e famiglie a scendere in piazza lunedì della prossima settimana a Palermo per dare voce al disagio che ha investito l’Isola. ‘Diamo luce alla Sicilia. Stop al caro energia’ è il claim della manifestazione: dopo il concentramento in piazza Croci il corteo arriverà a piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo.

La protesta è stata indetta da tutte le sigle sindacali, che vogliono sollecitare il governo nazionale a prendere provvedimenti: “Tante, troppe le famiglie, i lavoratori e i pensionati, che non riescono più a fra fronte ai costi energetici ormai alle stelle e fuori controllo – dicono gli organizzatori – pochi e non strutturali gli interventi sin qui messi in campo dal governo per porre un argine ai rincari galoppanti, alla speculazione e ai processi inflattivi”.
Al termine della manifestazione, una piattaforma rivendicativa sarà consegnata al prefetto di Palermo e al presidente della Regione e, per tramite di entrambi, al Governo nazionale.

Secondo un’analisi comparativa realizzata da Nomisma Energia, confrontando la spesa teorica annuale per le bollette elettriche del mercato libero delle imprese di vari comparti operanti in Sicilia con quelle pagate dalle stesse tipologie di aziende in Francia e Spagna, emerge che l’Isola, che aveva già il triste primato, così come il resto d’Italia, di avere i prezzi di elettricità e gas più alti d’Europa, con l’ultima crisi vede non solo ribadita questa debolezza, ma addirittura peggiorata. Tutte le categorie economiche, infatti, pagano in Italia, a parità di consumi e di potenza impegnata, una bolletta elettrica notevolmente più elevata: la spesa elettrica risulta essere mediamente superiore del 27 per cento rispetto alle imprese spagnole e addirittura di quasi il 70 per cento rispetto a quelle francesi. Si tratterà di una manifestazione pacifica ma che intende lasciare il segno e che chiederà risposte precise e volte a far ripartire l’economia siciliana, oggi più che mani fortemente a rischio.

“Un rischio estremamente grave – aggiungono gli organizzatori – che rappresenterebbe l’ulteriore stoccata a un sistema economico e sociale già gravemente segnato dagli effetti della pandemia e dalla crisi economica che ha mortificato i redditi di famiglie, lavoratori, pensionati e messo in ginocchio le attività produttive. Respingiamo la logica degli interventi tampone e chiediamo soluzioni strutturali capaci di ristabilire parametri e regole certe in un mercato energetico oggi drogato”.

Queste le sigle che parteciperanno alla manifestazione: Adoc Sicilia, Ance Sicilia, Casartigiani Sicilia, Cia Sicilia, Claai Sicilia, Cna Sicilia, Confagricoltura Sicilia, Confartigianato Sicilia, Confcommercio Sicilia, Confcooperative Sicilia, Confesercenti Sicilia, Confindustria Sicilia, Copagri Sicilia, Legacoop Sicilia, Movimento Terra è Vita, Cgil Sicilia, Uil Sicilia, UniCoop.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001