Catania, 800 ragazzi ad una festa abusiva in Corso Italia: scatta la chiusura del locale - QdS

Catania, 800 ragazzi ad una festa abusiva in Corso Italia: scatta la chiusura del locale

web-mp

Catania, 800 ragazzi ad una festa abusiva in Corso Italia: scatta la chiusura del locale

web-mp |
domenica 24 Aprile 2022 - 14:35

L'attività di ristorazione aveva trasformato i locali in piste da ballo per circa 800 giovani, tra i 14 e i 18 anni. Prezzo d'ingresso 10 euro, consumo di alcool e niente mascherina

Nella nottata tra il 23 e 24 aprile 2022 personale della Squadra Amministrativa della Divisione PASI della Questura di Catania, effettuava un controllo amministrativo presso un’attività di ristorazione, sita in Corso Italia.

Nella circostanza, all’interno del locale, gli operatori di Polizia constatavano che in due distinte piste da ballo, attrezzate con impianto luci e postazione DJ, venivano trovati intenti a danzare numerosi giovani ragazzi.

Zero distanziamento e mascherina per 800 giovani intenti a ballare e consumare alcool

Gli agenti operanti constatavano altresì che nella buvette a servizio della pista da ballo numerosissimi ragazzini, di età compresa tra i 14 e i 18 anni, che avevano pagato 10 euro per l’ingresso, erano intenti a consumare alcool ed erano assembrati nello spazio adibito alla somministrazione, senza mascherina.

Sanzioni, sequestro e chiusura dell’attività

Per quanto detto, considerato che per l’edificio dove si stava svolgendo l’attività di discoteca risultava essere sprovvisto del prescritto certificato rilasciato dalla Commissione Comunale di Vigilanza sui Pubblici Spettacoli che verifica la solidità e la sicurezza dei locali ai fini dell’incolumità pubblica, la responsabile veniva deferita all’A.G. per il reato di cui all’Art. 80 TULPS in rel. Art. 681 c.p. con il conseguente sequestro penale ai sensi dell’Art. 354 C.P.P. delle due piste da ballo.

Inoltre, la predetta veniva altresì deferita all’A.G. ai sensi dell’Art 689 del C.P. unitamente a nr. 2 collaboratori per somministrazione di alcool a minori di anni 16.

Infine, veniva elevata contravvenzione di illecito amministrativo ai sensi dell’Art. 68 TULPS, per apertura dell’attività di discoteca senza licenza del Questore (Euro 1.549,00) e contravvenzione per violazioni alle normative COVID (Euro 400,00) con conseguente chiusura dell’attività di somministrazione per cinque giorni.

La serata danzate veniva sospesa e circa 800 giovani ragazzi venivano lentamente fatti defluire.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684