Catania: Padel, chi è Carlos Pèrez la stella del Mas - QdS

Catania: Padel, chi è Carlos Pèrez la stella del Mas

web-j

Catania: Padel, chi è Carlos Pèrez la stella del Mas

web-j |
lunedì 14 Giugno 2021 - 12:25

Con un po’ di fortuna, al Mas padel center, in Via
del Canalicchio 12, si può assistere agli allenamenti di Carlos Pèrez.
Come riconoscerlo? È semplice, sembra giocare un altro sport. Classe, eleganza
ed esplosività; non sarà di certo un caso se è il numero 155 al mondo.
Qds ha avuto il piacere di intervistarlo e conoscerlo meglio.

Come hai conosciuto il padel e a che età hai
iniziato?

“Ciao, è un piacere. Ho conosciuto il padel in Spagna,
quando ero piccolo, ho iniziato intorno ai 10 anni, grazie a mio padre che era
un ottimo giocatore e si divertiva tanto. Mi ha spronato molto, è stato lui a
farmi iniziare, ed è stato il mio primo compagno. Ho provato, e non ho più
smesso”.

Praticavi altri sport quando eri ragazzo?

“Ho sempre giocato a calcio, dai 7/8 anni, poi ho
iniziato con il basket, in seguito con il padel, e infine con il tennis. Gli
unici due sport che ho continuato a praticare durante l’adolescenza sono stati
il calcio e il padel, che ho alternato regolarmente; quello che mi è piaciuto
di più, come si può evincere, alla fine è stato il padel. Questo perché non si
tratta solo di competizione, è una realtà in cui si istaurano amicizie, con
tutti i giocatori avversari durante i campionati. È una vibrazione diversa. Per
me è la cosa più vicina ad una famiglia, anche il rapporto che si crea con il
tuo compagno, giochi sempre con lui, ti alleni sempre con lui, è come il tuo
migliore amico. Giocate insieme tutto l’anno, è molto bella come esperienza,
anche durante i tornei.”

Cosa ti ha portato qui a Catania?

“Mi ha portato qui a Catania Mario Guarneri, ho parlato
con lui per telefono, io stavo cercando un cambio nella mia vita, non volevo
continuare in Spagna, cercavo un posto dove andare. Tra le opzioni presentatemi
c’era anche la Svezia, ma Mario è venuto da me, mi ha fatto una proposta e
siamo arrivati a un accordo. Inoltre, mi è piaciuta molto la città, il rapporto
che subito si è creato tra di noi, anche con Antonio (linkare intervista su di
lui). Io non sono venuto qui solo per giocare a padel, ho bisogno di un
ambiente familiare con le persone con cui lavoro, un ambiente favorevole alla
crescita di tutti. Questa è stata la cosa determinante che mi ha convinto a
restare”.

Qui al Mas ti sei trovato bene? Quanto pensi che
starai qui?

“Si, assolutamente è una bella realtà. Non ho ancora
deciso, nessun biglietto di ritorno”.

Secondo te invece, rispetto la Spagna che
differenze noti con l’Italia? Il padel in Italia potrà raggiungere lo stesso
livello di fama che ha raggiunto in Spagna?

“Quello che si fa qui, e che in Spagna non si fa, è che
si inizia a vedere il padel in televisione, in Svezia si fa e va bene, qui
anche e va bene. È uno step importante, perché si da riconoscimento. Quello che
qui manca sono i maestri forti, perché se hai una base solida di maestri, avrai
anche una base solida di allievi che iniziano a giocare a padel, di conseguenza
avrai una base solida di giocatori. Perché se io sono il più forte, non so, di
qui a Catania per esempio, non c’è una competizione, non c’è qualcuno da
raggiungere che ti sprona a fare meglio. Qui sta iniziando come è iniziato in
Spagna trenta anni fa. Il motivo del boom che si ha avuto, è dovuto al fatto
che è un bel gioco, divertente, con quattro giocatori. Inoltre, è molto facile
organizzare una partita, e anche per chi è alle prime armi non avrà difficoltà,
non è necessario avere tante lezioni alle spalle. Però queste sono fondamentali
se vuoi imparare bene a giocare”.

Come ti trovi con Dunlop? Cosa ti piace di questa
pala? Cos’ha di diverso dalle altre?

“Veramente gioco con Dunlop da 12 anni, ho sempre giocato
con questa, è vero che con Dunlop mi sono sempre trovato bene, in particolare
con l’ultimo modello che utilizzo ormai da due anni. È una racchetta
fantastica, è la migliore che c’è in circolazione, si tratta dell’Aero-Star
pro.”

Enrico Longhitano

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001