C’è Posta per te, due storie da Paternò e Palermo, cosa è successo - QdS

C’è Posta per te, due storie da Paternò e Palermo, cosa è successo

web-mp

C’è Posta per te, due storie da Paternò e Palermo, cosa è successo

Antonio Licitra  |
domenica 06 Marzo 2022 - 15:45

Da Palermo, un padre, Giovanni, che dopo 19 anni cerca il proprio figlio, Christian. Da Paternò la storia di una famiglia: Quando il denaro supera l’affetto. Ecco cosa è successo dopo

La Sicilia ancora una volta protagonista, e con due storie, del celebre programma di programma di Canale Cinque, “C’è Posta Per Te”. Scopriamo insieme cosa è successo nella nell’ultima puntata, andata in onda ieri sera.

C’è posta per te: Da Palermo la storia di Giovanni e Christian

Questa volta è la storia di un padre, Giovanni, che dopo 19 anni cerca il proprio figlio, Christian.

Fin da subito, Giovanni, ha manifestato la propria responsabilità ed i propri sensi di colpa per l’assenza di tutti questi anni. Pacata anche la reazione del figlio che durante la puntata ha raccontato come ha passato l’adolescenza senza un padre, dalla difficoltà del giorno della festa del papà al farsi assistere da uno psicologo nel percorso di crescita.

Dopo un primo momento in cui Christian sembrasse voler chiudere la busta, ha avuto il coraggio di provare a dare una possibilità al padre, accettando l’invito da parte di Maria De Filippi di aprire la busta.

Da Paternò la storia di una famiglia: Quando il denaro supera l’affetto.

Altra storia siciliana, questa sera, a C’è Posta Per Te. La storia di due genitori di Paternò che chiede di potersi riappacificare con la figlia Rosalba e con il genero Sebastiano.

I due stanno insieme da diverso tempo ma poco prima di sposarsi si lasciano dopo due anni di convivenza con Rosalba che fa ritorno a casa dei genitori. A quel punto, quest’ultimi prendono le difese della figlia e non vedono più di buon occhio Sebastiano, il quale riferisce di essere insultato verbalmente. Rosalba, dopo essersi riappacificata con Sebastiano , litiga con i genitori e da due anni a questa parte non ha più alcun contatto con loro.

Il motivo di tutto ciò? Alcuni soldi che i suoi genitori devono al compagno Sebastiano. Maria De Filippi, tenta più volte di trovare un punto d’incontro ma senza successo. Rosalba alla fine dice di non provare più niente per i suoi genitori mettendo sempre al centro l’aspetto economico. La storia, infine, si chiude con la busta che non viene aperta.

Antonio Licitra

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684