Codici: le crociere ripartono in un mare di dubbi - QdS

Codici: le crociere ripartono in un mare di dubbi

web-dr

Codici: le crociere ripartono in un mare di dubbi

web-dr |
lunedì 18 Gennaio 2021 - 17:39

Se da una parte abbiamo l’ok alla ripresa delle crociere, dall’altra non è stato specificato cosa accade, ad esempio, a chi non può più imbarcarsi a causa dello stop agli spostamenti tra regioni.

Ci sono anche le crociere tra le novità dell’ultimo Dpcm. Il decreto, infatti, contiene il via libera alla ripresa delle offerte turistiche, ma secondo l’associazione Codici ci sono troppi punti poco chiari e, come al solito, rischiano di farne le spese i consumatori.

“Purtroppo, come spesso accaduto in questi mesi – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – ci ritroviamo di fronte ad una situazione che può creare disagi e danni al consumatore. Se da una parte abbiamo l’ok alla ripresa delle crociere, dall’altra non è stato specificato cosa accade, ad esempio, a chi non può più imbarcarsi a causa dello stop agli spostamenti tra regioni. Chiediamo che venga sgombrato il campo da ogni dubbio. Non vogliamo ritrovarci ancora una volta con i consumatori che pagano colpe non loro, ovvero norme confuse e di difficile applicazione”.


“Partiamo da un principio base – aggiunge Stefano Gallotta, Responsabile Trasporti e Turismo di Codici – ovvero che fino a quando le crociere non riprenderanno, i consumatori hanno diritto al rimborso integrale in caso di cancellazione. Detto questo, nel momento in cui le navi potranno ripartire, è chiaro che bisognerà tenere conto del contesto generale. Ci riferiamo alla divisione dell’Italia in zone. Se un consumatore è costretto a rinunciare alla crociera perché non può muoversi dal proprio Comune o dalla propria Regione, ha diritto al rimborso. Sembra una banalità, ma così non è, perché riceviamo ogni giorno segnalazioni da parte di cittadini che si scontrano con compagnie, di navigazione ma anche aeree, che non vogliono restituire il prezzo del biglietto, ignorando le conseguenze della pandemia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684