Compra casa in asta giudiziaria ma non diventa proprietario: il caso - QdS

Compra una casa all’asta e scopre di non essere il proprietario: il caso a Palermo

Ivana Zimbone

Compra una casa all’asta e scopre di non essere il proprietario: il caso a Palermo

martedì 10 Maggio 2022 - 16:15

La Presidenza del consiglio dei ministri è stata condannata per l'errore del magistrato. Ecco cosa è successo.

Aveva comprato una casa a un’asta giudiziaria bandita dal Tribunale di Palermo, ma, dopo avere pagato 100 mila euro, nel 2016, scopre di aver acquisito soltanto il diritto di superficie e non la piena proprietà del bene.

E per entrarne in possesso ha dovuto versare oltre 17mila euro all’Ente proprietario.

L’errore, ha stabilito adesso la sezione civile del Tribunale di Caltanissetta, è stato commesso “con certezza” dal “primo magistrato che ha emesso il decreto di trasferimento”.

La condanna della Presidenza del consiglio dei ministri

I giudici, ritenendo il ricorso ammissibile e rilevando che “era indubbio dagli atti del procedimento, ed in particolare dalla certificazione notarile, che il debitore non era pieno proprietario dell’immobile, ma proprietario superficiale”, hanno condannato la Presidenza del consiglio dei ministri, riconoscendo la responsabilità civile del magistrato.

Il Tribunale ha disposto il risarcimento dei danni con il pagamento al ricorrente degli oltre 17 mila euro aggiuntivi pagati per comprare la casa, oltre alla rivalutazione e agli interessi legali, e il rimborso delle spese legali.

“E’ stata fatta giustizia – ha commentato l’avvocato Salvatore Bidera Miceli nel rendere nota la sentenza emessa il 5 maggio scorso – il mio assistito dopo vani tentativi di componimento bonario della lite in via stragiudiziale, è stato costretto ad innescare la procedura per la responsabilità civile dei magistrati al foro competente, quello di Caltanissetta”. Il legale ha espresso “grande soddisfazione personale e professionale per aver ottenuto la riparazione di un danno ingiusto mediante la dovuta tutela risarcitoria”.

“Con l’assistenza attenta e costante di un singolo – ha sottolineato – si sono garantiti i diritti in favore dell’intera collettività, spesso vittima degli ingranaggi della complessa macchina della Giustizia” 

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684